venerdì 20 gennaio 2017

Scambi atmosferici: attività solare e geoingegneria clandestina



Pubblichiamo un breve articolo che correla alcune aberrazioni atmosferiche (già osservate da Tanker enemy nel 2010) e termiche alla debole attività solare (Minimo di Maunder) di questo periodo. Ovviamente le informazioni del testo, scritto da un solarista, devono essere integrate, al fine di comprendere il caos climatico che stiamo vivendo da alcuni lustri, alle criminali attività di manipolazione della biosfera. E’ evidente in ogni caso che la concentrazione di biossido di carbonio in atmosfera non ha alcun effetto sui fenomeni climatici o, al limite, ripercussioni del tutto trascurabili: i bugiardi del riscaldamento globale di origine antropica sono ancora una volta smentiti.



Sinceramente non so sia normale una situazione del genere, ma da qualche tempo si verificano frequenti scambi emisferici ovvero, a livello di bassa stratosfera (alla quota di 250 hPa), i venti dell’emisfero australe attraversano l’equatore e si “mescolano” con quelli dell’emisfero boreale.

Quello che bisogna notare, però, non è tanto questa apparente e teorica “anomalia”, quanto l’estrema ondulazione della corrente a getto sull’America settentrionale (in alto al centro) e sull’Europa. Questo andamento sinuoso è tipico dei periodi di bassa attività solare ed è la causa principale (insieme con le disastrose operazioni di geoingegneria illegale, n.d.r.) delle anomalie termiche alle varie latitudini.



Fonte: attivitasolare.com


Vietata la riproduzione - Tutti i diritti riservati.

Sponsorizza questo ed altri articoli con un tuo personale contributo. Aiutaci a mantenere aggiornato questo blog.

La guerra climatica in pillole

Le nubi che non ci sono più

Per una maggiore comprensione dei fenomeni legati alla guerra ambientale in corso, abbiamo realizzato l'Atlante dei cieli chimici.

Chi è Wasp? CLICCA QUI

CHEMTRAILS DATA

Range finder: come si sono svolti i fatti

63 commenti:

  1. PRIMO PRELIEVO IN QUOTA TRAMITE DRONE

    Tanker enemy organizza il primo prelievo in quota tramite drone semi-professionale. Il prelievo si avvarrà del "DJI Drone Phantom 4" (https://youtu.be/dLA6QDvadeY), fornito di videocamera in alta risoluzione (12 MP/4K) e sistema di controllo GPS. A bordo del velivolo radiocomandato sarà montato un kit (realizzato ad-hoc) che aspirerà l'aria in quota e la depositerà su filtro apposito. Il filtro raccoglierà frammenti di pulviscolo in varie aree non antropizzate, ma note come corridoi di discesa impiegati dai velivoli civili in avvicinamento ad uno scalo aeroportuale. I campioni saranno analizzati ed i risultati saranno pubblicati su Tankerenemy.com. Lo scopo ultimo è quello di sensibilizzare la popolazione (e gli organi preposti alla salvaguardia dell'ambiente e della salute umana) in merito alla presenza di polveri in nanoparticolato di ricaduta, potenzialmente letali e di accertata provenienza aeronautica. Allo scopo di poter mettere in atto al più presto possibile il nostro prelievo, abbiamo bisogno di un contributo da parte di tutti voi che, anche con pochi euro, puntate ad iniziative forti per contrastare la guerra climatica in atto e per dimostrare la neurotossicità dei carburanti avio. Il Jet-A1, è, infatti, come dimostrato dai recenti studi della dottoressa Lohmann (http://www.tankerenemy.com/2016/07/la-scienziata-elvetica-ulrike-lohmann.html), la principale causa della ricaduta di elementi chimici neurotossici come l'alluminio, il bario, il manganese. Ok... diamoci da fare! Il link per finanziare la campagna è il seguente: https://www.paypal.me/jetfuelcampaign

    Grazie a tutti!

    RispondiElimina
  2. Son curioso, quale filtro trattiene le nanoparticelle?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un comune filtro antiparticolato è adatto allo scopo.

      Elimina
    2. Ci sara' pure ben altro che svolazza: il tutto made in merdeonautica!

      Elimina
  3. Un legale contro un PM: "Sono rimasto sconcertato ... e mi sono reso conto di come alcune volte le partite, anche in sede giudiziaria, non si giocano davanti a un arbitro imparziale".

    http://www.corriere.it/cronache/17_gennaio_20/nei-filmati-lei-mi-tradiva-il-pm-che-chiese-mio-arresto-610f81a4-deed-11e6-ac31-10863be346e7.shtml

    RispondiElimina
  4. Caccia al massone. Cerca cerca..http://roma.corriere.it/notizie/cronaca/17_gennaio_20/caccia-elenchi-iscritti-28d5de9e-de95-11e6-93cd-d08bed2f6059.shtml

    RispondiElimina
  5. per chi non lo avesse visto:

    https://www.youtube.com/watch?v=ZkcZ3erv2ME&t=215s

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brandolini in seguito ha fatto marcia indietro.

      Elimina
    2. Hanno intervistato i più stonati della categoria.

      Elimina
    3. avrà ricevuto minacce o si trattava di un furbetto?

      Elimina
    4. Lo vedemmo organizzare e partecipare ad una conferenza cui è intervenne come relatore Simone Angioni dell'Università di Pavia, esponente di spicco della disinformazione e membro del CICAP.

      Elimina
  6. Rosario, mi è sembrato che il vero inverno si sia manifestato in concomitanza di una significativa riduzione delle irrorazioni aeree (almeno nelle regioni tirreniche centro meridionali che frequento abitualmente) che, secondo me, ha dato libero sfogo ad una stagione normale, certificando, ove sussistano ancora dubbi a riguardo, l'inconsistenza di un effettivo Global Warming, anzi...
    Mi sbaglio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao paso, escludo che si possa parlare di interruzione delle operazioni, giacché i corridoi civili sono sempre e comunque attivi, a meno che non si verifichino scioperi nel settore.

      Elimina
    2. ...é stato il vento, che spazzando il coperchio tossico ha datto alla terra brusche escursioni termiche. Appena cala il vento, i figli di una maiala alati, ricoprono a bomba...cielo altamente tossico e riflettente!

      Elimina
    3. Concordo con Prank, ma anche con Paso, non appena le coperture artificiali vengono ridotte, si riducono anche drasticamente le temperature. Oggi hanno irrorato alla grande, non casualmente era più caldo.

      Elimina
  7. Anche io ho notato, almeno nei giorni di cielo scoperto come oggi, meno attività.
    Mi sono fatto l'idea che hanno concentrato l'attività al nord, nella cosi detta dai meteorologi "alta pressione di blocco del ciclone" e lasciato l'inverno a sfogarsi nel centro-sud.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non siamo di fronte a minore attività, ma al cospetto dell'impiego di composti chimici non persistenti.

      Elimina
    2. Sulla Liguria spira vento impetuoso, ma, mentre gli aerei e gli elicotteri per lo spegnimento degli incendi, non si sono levati in volo, i velivoli chimici incrociano a iosa per distruggere una perturbazione dopo l'altra.

      Elimina
  8. PRIMO PRELIEVO IN QUOTA TRAMITE DRONE

    Tanker enemy organizza il primo prelievo in quota tramite drone semi-professionale. Il prelievo si avvarrà del "DJI Drone Phantom 4" (https://youtu.be/dLA6QDvadeY), fornito di videocamera in alta risoluzione (12 MP/4K) e sistema di controllo GPS. A bordo del velivolo radiocomandato sarà montato un kit (realizzato ad-hoc) che aspirerà l'aria in quota e la depositerà su filtro apposito. Il filtro raccoglierà frammenti di pulviscolo in varie aree non antropizzate, ma note come corridoi di discesa impiegati dai velivoli civili in avvicinamento ad uno scalo aeroportuale. I campioni saranno analizzati ed i risultati saranno pubblicati su Tankerenemy.com. Lo scopo ultimo è quello di sensibilizzare la popolazione (e gli organi preposti alla salvaguardia dell'ambiente e della salute umana) in merito alla presenza di polveri in nanoparticolato di ricaduta, potenzialmente letali e di accertata provenienza aeronautica. Allo scopo di poter mettere in atto al più presto possibile il nostro prelievo, abbiamo bisogno di un contributo da parte di tutti voi che, anche con pochi euro, puntate ad iniziative forti per contrastare la guerra climatica in atto e per dimostrare la neurotossicità dei carburanti avio. Il Jet-A1, è, infatti, come dimostrato dai recenti studi della dottoressa Lohmann (http://www.tankerenemy.com/2016/07/la-scienziata-elvetica-ulrike-lohmann.html), la principale causa della ricaduta di elementi chimici neurotossici come l'alluminio, il bario, il manganese. Ok... diamoci da fare! Il link per finanziare la campagna è il seguente: https://www.paypal.me/jetfuelcampaign

    Grazie a tutti!

    RispondiElimina
  9. Pensa Ros, che i nega(merda)azionisti sono gia' sul piede di guerra per la raccolta fondi inerente il prelievo in quota...sti coglioni si smerdano gia' sotto. Tranquilli pezzenti! Che ci avvelenano ormai e chiarissimo ma i vostri beoti commenti (da infermi di mente) ci chiariscono, ancor di piu', che avete il culetto sporco. Allora fatevelo pulire dalla vostra badante...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da un lato i venduti ex attivisti che dicono trattasi di giocattolo. Dall'altra gli stalkers di Stato (e vari piloti) chje paventano di segnalare la cosa alle autorità competenti (per uno psicoreato). Ma a noi che ce ne frega? Niente!

      Queste sono le potenzialità del Phantom 4.

      Elimina
  10. Due speranze: 1) che tankereny possa raggiungere quanto prima l'importo necessario per il prelievo in quota, le analisi e la pubblicazione dei risultati. 2) che forse sia la volta buona..."Solo pochi istanti ci sono voluti invece per cancellare completamente dal sito della Casa Bianca quasi ogni riferimento ai cambiamenti climatici, con una eccezione: la promessa di Trump di alterare completamente la politica sul clima del suo predecessore". http://www.corriere.it/esteri/17_gennaio_21/trump-obamacare-clima-primi-ordini-presidente-usa-9fd05310-dfb4-11e6-8ee6-23c50cfdffbe.shtml

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si si, adesso gliela diamo noi la fuffa a quei 4 merdaioli. Sono cose che dovevano fare le varie arcaz ed ambientalisti seri, invece di occultare prove. Comunque, se si scomodano per commentare i droni altrui vuol dire che hanno davvero le chiappette sporche; mi auguro che la badante gliele pulisca a modino.
      Ps: un "giocattolino" che spinge parecchio...

      Elimina
    2. L'ARPA risponde: "Non abbiamo analisi in quota, quindi non possiamo dire quello che c'è, però possiamo assicurarle che è vapore, perché lo scrive anche lo scienziato Paolo Attivissimo".

      Elimina
    3. chiappette e lingue, Prank.
      l'ARPAolo o l'ARPAssivissimo scrivano quello che ritengono. scripta manent. una risata li seppellirà. vivi.

      Elimina
    4. Ah beh! Se lo dice il dj, allora va bene: a giudicare dal cielo direi, pure, "benissimo"!

      Elimina
  11. Meteorologo argentino denuncia la presenza di aerei chimici
    https://youtu.be/3mtr5_xpn08

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Koenig, ho risposto alla tua domanda nel post google + di bario tozzi! ;-)

      Elimina
    2. incorniciamo il raro (ma sempre meno) evento.
      P.S.
      oggi trump ha firmato l'annullamento del TTIP

      Elimina
  12. Ros, mi raccomando non far mai sapere il giorno e l ora del prelievo in quota. I culattoni negazionisti continuano a prendersela con questa iniziativa...pulitevi il culo, merdosi. Fatevi I cazzi vostri. Evidentemente hanno qualcosa da nascondere.
    Ps: quel drone spinge un casino, ricordiamolo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovviamente! Ho letto e so che cosa hanno intenzione di fare di tutto per ostacolare il prelievo. V'è da precisare che il drone sarà controllato da pilota abilitato, per cui ogni loro speranza di vedermi "al gabbio" per non avere le autorizzazioni necessarie... va a farsi benedire. Poi si pongono tanti problemi di sicurezza quando persino i piloti di un A380 non devono più rilasciare piano di volo e sono liberi di scorrazzare sopra i centri abitati, a quota cumulo? Ma vadano a cagare!

      Elimina
    2. Comunque siamo solo all'inizio. Dobbiamo raccogliere il necessario per pagare il pilota, il laboratorio, per acquistare i kit per le analisi da condurre in proprio ed il necessario per realizzare il kit per la raccolta delle polveri.

      Elimina
  13. ...incredibile...faranno partire I caccia da sigonella per intercettare il drone nemico! Buffoni!!!

    RispondiElimina
  14. Caratteristiche DJI Phantom 4

    Peso (batteria e eliche incluse) 1280 grammi
    Diametro (eliche incluse) 590 mm
    Velocità massima di salita 5 m/s (18 km/h)
    Velocità massima di discesa 3 m/s (11 km/h)
    Precisione di Volo Verticale: +/- 10 cm; Orizzontale: +/- 1 m
    Velocità massima 16 m/s (57,6 km/h)(modalità ATTI, assenza di vento)
    Altitudine massima 6000 m
    Temperatura di funzionamento da 0 a 40°C
    Modalità GPS GPS/GLONASS
    Camera 4k
    Sensore Sony EXMOR 1/2.3” da 12.4 Mpixels effettivi
    Obiettivo FOV 94° 20 mm (formato 35 mm) f/2.8, messa a fuoco a infinito
    Range ISO 100-3200 (video) 100-1600 (foto)
    Velocità otturatore 8s – 1/8000s

    RispondiElimina
  15. occorre la videoripresa in diretta per qualsiasi cosa dovesse accadere.

    RispondiElimina
  16. evoluzione audio (se non ricordo male) di quanto riportato tempo fa da Rosario. dopo 10 secondi l'audio cambia definizione, da scia chimica a scia di vapore.
    il buon Ghigo lo mostra qui
    http://offskies.blogspot.it/2017/01/la-nuova-normalita.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. http://www.tankerenemy.com/2016/10/controllore-di-volo-segnala.html

      Elimina
    2. Non ero riuscito a tradurre il seguito...chiedo venia. Grazie a Ghigo per averlo riproposto. PS. Ottimo film rivelatore delle tecniche dei debunker sul film di Gus Van Sant sul fracking: PROMISELAND!!!

      Elimina
  17. Questo post è indirizzato ai negazionisti, ma anche ai finti attivisti come Marco Fakin, Cecco Viadana e gli altri venduti che, in questi giorni, si stanno dando un gran da fare per dimostrare che l'iniziativa volta a prelevare campioni di nanoparticolato in quota tramite drone Phantom 4 è una truffa ai danni degli ingenui che mi danno retta. Di seguito un frammento della mail che ho ricevuto da un vecchio amico attivista.

    "Ciao Rosario, approvo incondizionatamente il progetto drone per prelievo in quota! Con l'occasione ti dico che nel 2015 ho fatto quasi la stessa cosa con il Phantom 3 Pro, ma ho agito in modo non così pubblico e quando i regolamenti erano ancora da inventare. Infatti ritengo che sia tutta questa "preoccupazione" degli enti sia il gran polverone sollevato da astuti commentatori e manipolatori di pubblica opinione, non trova ragione se non nell'impedire che ci siano alzate d'ingegno da parte di un cittadino qualsiasi che venisse punto da curiosità in merito alle schifezze irrorate. Ti allego un paio di immagini prese col mio drone in una giornata di gran trattamento e che ha prodotto la classica "lastra" (velature) di nuvolaglia. Quota raggiunta: circa 1.400 metri, eseguendo una salita direttamente in verticale da un punto che pare non sia transitato da velivoli, almeno ufficialmente. Spessore dello strato: circa 50-70mt a partire dai 1.200 metri". ... [...]
    Il link per finanziare la campagna è il seguente: https://www.paypal.me/jetfuelcampaign

    Le foto: [1] [2]

    RispondiElimina
  18. Tra poco metto su internet...il fazzoletto di carta con cui ho pulito I vetri della macchina stamani. Dopo solo una notte vi mostrero' cosa hanno combinato i sorvoli aeronautici a bassa quota sui centri abitati. Questi signori vanno processati per crimine contro l umanita, genocidio, ecocidio, occultamento prove e tentata strage.

    RispondiElimina
  19. Ci sono un'infinità di aerei in rateo di salita o di discesa da innumerevoli scali. Sarà quindi sufficiente salire su una cima di una montagna e salire di altri 2000/3000 metri per arrivare agevolmente a 6000. In ogni caso il Phantom 4 può arrivare da solo sino a 6000 metri dal punto di lancio.

    RispondiElimina

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...