domenica 29 luglio 2018

Nuovo studio di Herndon: la geoingegneria clandestina ci porterà ad estinzioni di massa



Fifty years after ‘How to wreck the environment’: anthropogenic extinction of life on Earth”, ossia “Cinquant’anni dopo ‘Come distruggere l’ambiente’: estinzione della vita sulla Terra di origine non naturale”, è il titolo dell’ultimo articolo referato scritto dal geofisico statunitense Marvin J. Herndon assieme a Mark Whiteside e Ian Baldwin. Lo studio prende spunto da una comparazione tra la ricerca di J.F. Macdonald e le attuali operazioni chimiche in atmosfera (chemtrails o “guerra climatica”) per evidenziare il carattere sovranazionale, riferibile ad un governo ombra planetario, delle micidiali attività.

J. Marvin Herndon, Mark Whiteside and Ian Baldwin


Obiettivi

Cinquant'anni fa, il geoscienziato Gordon J. F. MacDonald scrisse un libro intitolato "Come distruggere l'ambiente ", in cui l'autore descrisse i metodi con cui uno Stato potrebbe alterare gli ecosistemi e come potrebbe infliggere clandestinamente danni ad una paese nemico. Il nostro obiettivo è rivedere i suggerimenti di MacDonald, le strategie di guerra ambientale alla luce dei successivi progressi tecnologici e nel contesto del dispiegamento effettivo dei metodi di guerra meteorologica e climatica da lui illustrati.

Metodi

Abbiamo esaminato la letteratura interdisciplinare: storica, scientifica e medica.

Risultati

MacDonald ha indugiato sulla guerra meteorologica palese e segreta basata sull'inseminazione imbrifera delle nuvole, volta appunto a causare le piogge. In seguito è stata sviluppata una serie di tecniche per inibire le precipitazioni, con la dispersione, per mezzo di aerei civili, di particolato igroscopico là dove si formano le nuvole. Da almeno due decenni sia ricercatori sia persone comuni osservano tale fenomeno.

Articoli referati

Herndon et al.; JGEESI, 16 (3): 1-15, 2018; art. JESIESI.42006

Indagini scientifiche e forensi dimostrano che sono diffuse, tra le altre cose (bario, alluminio, cadmio, stronzio, cesio etc.), ceneri di carbone. Intorno al 2010, l'irrorazione aerea del particolato è aumentata ad un livello quasi giornaliero, quasi globale. Presumibilmente, un accordo internazionale segreto ha imposto di disperdere composti con il pretesto di fungere da 'parasole' per la Terra. Tuttavia l'irrorazione aerea, piuttosto che raffreddare il pianeta, riscalda l’atmosfera, ritarda la dispersione termica dalla Terra allo spazio e provoca un incremento globale delle temperature. Lo stesso MacDonald discusse la possibilità di distruggere deliberatamente lo strato di ozono atmosferico e quella di innescare terremoti ed eruzioni vulcaniche, attività in effetti oggi possibili anche con l’impiego dei riscaldatori ionosferici (sistemi H.A.A.R.P.).

Conclusioni

Le decisioni assunte dai militari statunitensi di armare l'ambiente a livello nazionale e gli obiettivi di “sicurezza” furono accuratamente previsti da MacDonald, ma lo specialista non riuscì a capire che i singoli governi del mondo potrebbero essere tenuti a rispettare accordi internazionali segreti con lo scopo di condurre una guerra sul pianeta Terra, in tutti i biomi ed in relazione ai diversi processi biogeochimici. Se politici, mezzi d’informazione, scienziati etc. non affronteranno l’atroce realtà di ciò che sta accadendo davanti ai loro occhi e se non esigeranno collettivamente un’interruzione di queste attività tecnologiche, illegali e clandestine, siamo destinati a marciare verso la prima estinzione di massa determinata, non dalla Natura, ma dal complesso militare-industriale.

Qui lo studio.


Vietata la riproduzione - Tutti i diritti riservati.

Sponsorizza questo ed altri articoli con un tuo personale contributo. Aiutaci a mantenere aggiornato questo blog.

La guerra climatica in pillole

Le nubi che non ci sono più

Per una maggiore comprensione dei fenomeni legati alla guerra ambientale in corso, abbiamo realizzato l'Atlante dei cieli chimici.

Chi è Wasp? CLICCA QUI

CHEMTRAILS DATA

Range finder: come si sono svolti i fatti

32 commenti:

  1. Ciao Rosario, vorrei farti una domanda. Ho appena letto delle previsioni di questa settimana e del caldo, ancora più rovente, in arrivo con l’”anticiclone africano”. Ho perciò dato un’occhiata sulla mia app “earth 3d” (te la consiglio) che ti da una visione su mappa di svariati parametri climatici, tra cui tempererature, umidità, pioggia, vento, ecc..., anche a svariate quote d’altitudine (da 0 a 11500 m). Guardando le previsione per domani e martedì, osservando la direzione dei venti, le temperature e umidità a tutte le altitudini possibili, non si osserva in nessun momento aria, vortici o altro in arrivo dall’Africa verso l’Italia. Risulta come se l’Italia fosse immune dai venti africani (che da Tunisia, Libia e Egitto invece passano dall’Egeo per dirigersi in Turchia e poi Mar Nero e Caucaso). Quindi non capisco che cosa sia questo “anticiclone africano” che colpirà l’Italia in questa settimana. Mi puoi aiutare? Grazie mille!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, si tratta della solita balla. In realtà, come confermato dallo studio di Heardon e da noi ribadito da anni, le temperature si innalzano grazie e per causa della geoingegneria clandestina. Anche i cieli sgombri da nubi, sono dovuti al sorvolo criminale a bassa quota dei velivoli commerciali adibiti alla guerra climatica. Il resto lo fanno le microonde ed il M.U.O.S. è lì apposta.

      Elimina
  2. Buongiorno e buona domenica. Abbiamo questo sito https://earth.nullschool.net/#current/wind/surface/level/orthographic=-346.19,39.38,1106/loc=12.828,42.150 già postato in altri articoli che riassume le condizioni climatiche generali. A modificare i venti in quota provvedono intensificando le irrorazioni in prossimità o a sbarramento degli stessi venti in alcuni punti del territorio europeo, ce lo riferisce oltre a Rosario anche Enrico Gianini in alcune sue interviste

    RispondiElimina
  3. Grazie Rosario. Ho voluto fare “l’avvocato del diavolo”, ma avevo capito la risposta. Questo per mettere in evidenza che gli strumenti, per capire la realtà in ambito climatico, ci sono e sono anche di facile utilizzo e comprensione, basta solo unire i punti e quindi vedere di persona che i conti non tornano. Perciò se nulla arriva dall’Africa (almeno a livello climatico), direi che la versione meteo mainstream non torna in modo plateale.
    Ad ogni modo, non ho ancora capito cos’é un anticiclone africano per i meteorologi, dato che non ci sono correnti, venti o perturbazioni a nessun livello di quota dell’atmosfera in arrivo dall’Africa, supponendo che freddo o calore si spostino appunto attraverso questi.
    Grazie Rosario e buona domenica a tutti!

    RispondiElimina
  4. Criso santo ma possibile che nessuno legga questi importanti studi scientifici e faccia qualcosa?,cazzo questi basttardi stanno distruggendo tutto ,non hanno rispetto per niente e nessuno stanno trasformando il mondo in uno scenario post-apocalittico,Ma come è possibile dove sono finiti scienziati,fisici,chimici,dottori onesti?,qui si preannuncia la più grande catastrofe del 21 secolo e la gente ma tutti fanno finta di niente come niente fosse,tutti preoccupati a perdersi nei display dei loro cellulari e nelle loro discussioni frivole,cazzo Rosario non ti nascondo amico mio che ho una paura fottuta perché stiamo andando incontro alla discesa degli inferi sulla terra! ,grazie ancora per quello che fai un abbraccio sincero Eddy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I paraculi sono tutti in Procura, in TV e nel CICAP.

      Elimina
  5. le previsioni per il primo agosto qui danno massime di 38 gradi in pianura! C'è più fresco nel buco del...

    RispondiElimina
  6. Una domanda semplice semplice a Padre Massimum Expertiae Polidoro e al Cardinal Piero Ecclesiae Angelum...che cosa vedete in questo video ?



    https://www.youtube.com/watch?v=mZeywp7hUNA

    RispondiElimina
  7. Incendio intimidatorio al Presidio No MUOS

    I militari, incalzati dagli attivisti sul perché non siano intervenuti contro i piromani, dichiarano che non hanno visto niente.

    Ribadiamo che il M.U.O.S. è una potentissima arma elettromagnetica, in grado di modificare le condizioni meteorologiche, scatenare terremoti e provocare l'insorgenza delle malattie tumorali. Un dramma reale e quotidiano.

    Nondimeno, il coraggioso ricercatore Rosario Marcianò ha più volte denunziato gli effetti terrificanti della succitata diabolica tecnologia; tuttavia, mentre le popolazioni locali sono malauguratamente costrette a digerire l'amarissimo boccone delle mega-parabole, le autorità predisposte continuano a dormire sonni tranquilli.

    La nostra unica speranza è rappresentata da Rosario Marcianò, che è vergognosamente finito nel mirino della corrottissima magistratura di Imperia. La "colpa" di Marcianò? Avere denunziato con passione e professionalità una realtà inconfutabile: le scie irrorate dagli aerei, non sono mera condensa. Intanto, lo stalker Federico De Massis può liberamente cimentarsi nell'arte della calunnia e della denigrazione.
    Questa è l'Italia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo paese è come un corpo invaso dal tumore, laddove le cellule tumorali sono i magistrati.

      Elimina
  8. LE ILLEGALI QUOTE DI VOLO DEGLI AEREI COMMERCIALI SUI CENTRI ABITATI

    Nella verifica delle quote (inferiori e superiori) delle coperture naturali si è accertato, con uno scarto minimo, che le quote illegali dei voli civili che spesso si osservano incrociare sopra i centri abitati, passando di poco al di sotto delle nubi, risultano non superiori ai 1000 metri di quota assoluta (riferita al livello del mare). Questo perché la base delle nuvole si trova a circa 1150 metri sul livello del mare (altitudine rilevata in telemetria dal drone) e gli aerei in questione vi passano sotto, in totale spregio delle norme E.N.A.C.-E.N.A.V. sulla sicurezza del volo.

    Il filmato su YouTube: https://youtu.be/nl5h_Ewq75U

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oltre a quelli che sciano a 1000 metri, qui da me ne passano due (uno con motori e coda rosso/arancio e l'altro blu) a poche centinaia di metri sopra la zona altamente popolata e non ci sono aeroporti nei paraggi che possano giustificare tale quota, passano lenti e senza alcuna scia visibile, cosa stanno facendo a 4-500 metri sulla nostra testa?

      Elimina
    2. Bruciano i carburanti N.A.T.O. Ciò è sufficiente ad evitare la formazione di nubi.

      Elimina
  9. Questo spiega come mai l'altro giorno vidi un aereo livrea grigia ,fare il giro delle montagne di avellino e tornare indietro ,mi dissi manche cazzo di manovra potrà mai essere questa ,in realtà stanno solo perdendo tempo per bruciare il carburante rimasto ecco perché allungano il brodo.

    RispondiElimina
  10. Alcuni anni fa Task Force Butler, prima che fosse identificato come Federico De Massis di Pescara, impiegato (con incarico di copertura come commercialista presso la SPER s.r.l.), chiamò, via Skype, l'allora attivista Elia Menta, che registrò la conversazione. Ne uscì un gustoso siparietto, nel quale lo stalker del Ministero della Giustizia, diede il meglio di sé.

    Qui l'audio: http://www.tanker-enemy.com/Audio/TFB-Elia-Menta.mp3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' pazzesco, ho ascoltato 5 minuti e quello è scemo completamente, con quella vocetta da frocio, e quello sta qui a spaventarci?!? Ma per favore, grassone di merda.... ma sei ridicolo!!!!

      Elimina
    2. Che sia un frocio cretino è assolutamente vero, ma se pensi che i magistrati continuano a parargli il culo... fa pensare...

      Elimina
    3. Effetto serra provocato dalle nano particelle, schermo del ozono distrutto, bombardamento con microonde e HAARP, se non è sterminio questo!

      Elimina
  11. Ma perche' non ci uniamo tutti e facciamo qualcosa!!?? Visto che siamo gia' morti che camminano? Passo la maggior parte del tempo a pensare come lasciare un mondo migliore a questi bambini!! Siamo proprio codardi a lamentarci e non cercare almeno di fare qualcosa!! Tante parole per far vedere a chi c'e l ha piu' grosso... e poi nada de nada!! Noi meritiamo di schiattare non i nostri figli!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' dal 2005 che agiamo a 360 gradi, pagandone tutte le conseguenze. Molti sanno, ma quanti agiscono? Quanti poi hanno gettato la spugna ad ingrossare le schiere degli ignavi!!! Questa è la situazione.

      Elimina
  12. Allora la situazione deve cambiare! Non dobbiamo arrenderci! Chi ha il coraggio di rischiare la propria vita?? Per me rosario é un eroe! Uniamoci!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il superfluo l'ho eliminato,non lavorero mai piu per questo sistema,unirsi vuol dire abbandonare tutto,sono pronto!

      Elimina
    2. Sei pronto? Pero' non hai neanche un nome... questo mi fa' pensare...

      Elimina
    3. Non conosco bene la rete!Mi chiamo Cortassa Simone se volete contattarmi ho un cd musicale gratuito link prospettivalimite.It.E dalla nascita che lotto contro questo sistema satanista,un saluto

      Elimina
    4. Non ti offerendere... e che non mi fido piu' di nessuno... ciao

      Elimina
  13. Ciao rosario sono con te e per la vita facciamo qual cosa denunciano in massa

    RispondiElimina

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...