martedì 26 settembre 2006

Gli infiltrati

Gli infiltratiTimeo Danaos et dona ferentes Temo i Greci anche quando portano doni

Spesso si iscrivono ai forum che trattano il tema delle scie chimiche anche incidentalmente, delle persone i cui contributi rivelano, entro poco tempo, lo scopo precipuo di “confutare” le affermazioni degli studiosi seri e dei testimoni del fenomeno. Sono persone, di solito, con una buona preparazione tecnica, a loro agio quando disquisiscono di rotte, motori, carburanti, proprietà dell’atmosfera, eventi meteorologici etc. All’inizio, con modi urbani e quasi ossequiosi, insinuano (o provano ad insinuare) il dubbio tra gli altri utenti con domande come le seguenti: “Siete sicuri delle quote da voi rilevate? Sapete che alcune scie di condensazione sono persistenti e possono durare fino a sei ore? Non vi siete accorti che, in questi ultimi anni, il traffico aereo è aumentato? Conoscete la dinamica dei fluidi? Siete al corrente di che cos’è il punto di rugiada?”

Costoro, quando si accorgono che la loro strategia è inefficace, cominciano un po’ alla volta ad usare toni sempre più perentori, facendo capire agli altri interlocutori di essere degli incompetenti: esibiscono una serie di credenziali “scientifiche” per tentare di ridimensionare le altrui asserzioni. Quindi, allorché si avvedono che testimoni e ricercatori non sono disposti a farsi incantare da formule, particolari tecnici corretti ma non attinenti, denunciano il materiale prodotto (foto, filmati, risultati di analisi, documenti ufficiali, articoli) come una congerie di elementi discutibili e mal interpretati.

Infine, scornati ed esasperati per non essere riusciti ad imbrogliare ed a creare scompiglio, gettano la maschera: ricorrono ad espressioni sprezzanti, talvolta offensive, per poi diradare i loro interventi sino a dileguarsi, con le pive nel sacco. Questi infiltrati, sebbene con qualche tratto personale, rivelano una caratterizzazione stereotipata: ciò ci induce a supporre che siano per lo più militari, il cui addestramento implica un annientamento dell’individualità a favore di un’omologazione psicologica ed antropologica. Un’analisi dell’idioletto, ossia del loro modo di esprimersi specialmente sotto il profilo linguistico ma anche contenutistico, denota una cultura tecnica di tipo scolastico e libresco, una forma mentis rigida, senso della gerarchia, scarsa sensibilità per i valori etici: sono tratti peculiari di individui appartenenti all’esercito, all’aviazione civile e militare, a laidi apparati del potere.

Credo che, tenendo conto di questo identikit, si potrà in futuro evitare di cadere nelle trappole tese dagli sfrontati disinformatori che è bene ignorare. Controbattere i loro sofismi è ozioso: infatti coloro adducono solo argomenti capziosi e forvianti. È come discutere con i teologi: hanno sempre ragione, perché in realtà hanno sempre torto, oltre ad essere in mala fede. I loro “responsi” sono come quelli della sibilla: non solo ambigui, ma anche incentrati sull’anfibologia, cioè sulla proprietà di un enunciato o di un’espressione di possedere due significati contrapposti entrambi validi, in modo da prevalere nelle discussioni, senza mai sbilanciarsi. Essi sanno, ma fingono di non sapere. Il loro intento è quello di dividere e di confondere. Gli anticorpi per eliminare questi intrusi esistono: usiamo tutte le difese del sistema immunitario prima che infettino l’intero organismo.

(1) Un esempio di anfibologia: il timore dei nemici. In questo sintagma, solo il contesto può chiarire se il complemento di specificazione ha valore soggettivo od oggettivo.

23 commenti:

  1. Straker (mio idolo pure da bambino...) hai postato proprio bene!
    Talmente bene che ti chiedo il permesso di postare l'argomento con un link a questo tuo post.
    Fammi sapere.
    Sermau

    RispondiElimina
  2. Ciao. L'articolo, per dovere di cronaca, è stato scritto da Zret. Io sarei stato ancora più aspro (come da mio stile) e così ho preferito lasciar fare Zret, che è più diplomatico. Certo che puoi linkarlo. Non ci sono problemi. Ti ringrazio, anche a nome di Zret (my brother). :)

    RispondiElimina
  3. Trovato.

    http://tsplus.splinder.com/post/9375396

    RispondiElimina
  4. Salve ragazzi,

    Please, cosa mi sapete dire di queste scie link. Sta diventando un'ossessione.

    RispondiElimina
  5. I metereologi comici
    Lettera di risposta di un INFILTRATO che si occupa di meteo
    "Che tempo che fa"
    Buongiorno Signor Giorgio e altri in indirizzo, ringrazio per l'approfondita analisi psicologica e per tutte le altre critiche che mi ha mosso con dovizia!
    Lei è libero di pensarla come vuole, chi mi conosce e lavora con me ha tutti gli strumenti per una corretta valutazione del mio operato.Ci tengo però a precisare che è brutto da parte sua fare la guerra a chi offre passioni, tempo e denaro per le sue stesse battaglie (come rilevo dal sito di eticaenergetica./ che compare in calce alla sua lettera. Vede, Signor Giorgio, credo che sia importante, per tentare di ottenere qualche risultato in queste battaglie, mettere a disposizione oltre alla mia professionalità anche il ruolo di "attore", la mia "gestualità", il mio "tono di voce" e forse pure il mio "narcisismo"...
    Se invece preferisce, potrei andarmene in vacanza, fregarmene delle battaglie ambientali, tenere bordone al politico di turno, e limitarmi a fare il meteorologo, ad annunciare se domani farà caldo o freddo e a non esprimere commenti nè critici nè sarcastici sul mondo che ci circonda. Eviterei così ogni tipo di grana, compresa la risposta a questo suo messaggio.
    "In privato vendo libri..." cosa vuol dire? Li devo vendere in pubblico? Certo, sarebbe meglio, avrei più clienti, e di solito lo faccio in molte conferenze, ma se ha notato, nei banchetti di San Rossore i miei libri non c'erano.
    E' forse un reato scrivere e vendere libri? Li ha mai letti? Contengono molte dure denunce sui problemi a lei cari, come in "Le mucche non mangiano cemento", che ho stampato in proprio, ed ha venduto la bellezza di ben 2000 copie, c'è di che diventare ricchi!
    Beppe Grillo: ho grande stima di Beppe, che seguo da sempre e che incoraggio a fare ciò che fa. Con il mio commento ho solo voluto significare che il problema delle chemtrails non può essere valutato "reale" solo per il fatto che qualcuno ne parla su riviste non scientifiche (come Nexus "la rivista che tratta di medicina alternativa, farmaci, ufologia, mistero, prodotti chimici, articoli,disinformazione, salute...") o su internet, altrimenti possiamo inventarci qualsiasi cosa, basta che sia sufficientemente lontana da non poterla verificare.
    La battaglia che Beppe sta compiendo sulle nanopolveri e sugli inceneritori ha solide basi scientifiche e consulenti d'eccezione come Montanari. Le chemtrails no.
    Questa storia va avanti da anni e non sono ancora emerse evidenze da parte dei fisici dell'atmosfera che le scie siano diverse dall solite "contrails" a base di cristalli di ghiaccio e inquinanti/particolato da combustione di cherosene. Con ciò solo un'analisi accurata della composizione chimica delle scie potrebbe dare una risposta definitiva, e qui si esaurisce la mia concessione al dubbio, ma è fortemente improbabile che sia in atto un programma di questo genere. Infatti, se anche fosse un modo per aumentare l'albedo e ridurre l'effetto serra, se funzionasse sarebbe dopo tutto un bene e non ci sarebbe bisogno di nascondere tale procedura agli occhi dell'opinione pubblica, a meno che l'eventuale sostanza usata fosse tossica. Per ora tutti i grandi programmi internazionali di modifica artificiale del clima e delle avversità atmosferiche, in atto a partire dal circa un secolo, hanno fallito, anche se ancora si vendono cannoni antigrandine e si finanziano progetti di stimolazione artificiale della pioggia.
    Quanto alle chemtrails non devo difendere poteri forti e interessi di nessuno (quali???), mentre purtroppo ogni giorno lotto, proprio come lei, contro interessi e poteri forti assai più reali e concreti allorchè mi oppongo - insieme a Grillo e a Pallante, al TAV, agli inceneritori, alla cementificazione selvaggia, allo spreco di energia e di risorse naturali.
    Anche a lei una buona cura di umiltà dopo tutto farebbe bene, vista la facilità che mostra nel staccare giudizi trancianti su persone che non conosce abbastanza e delle quali ignora l'operato sociale e nei movimenti (NoTAV Valsusa, Gruppo Abele, rete per la Decrescita, rete Lilliput).
    Le risparmio dunque la mia analisi psicologica su di lei e la saluto.
    _________________________________________
    Luca Mercalli / President & Editor in chief
    Società Meteorologica Italiana onlus / Nimbus
    Castello Borello - 10053 Bussoleno - Italy
    Tel. +39 0122 641726
    www.nimbus.it - info@nimbus.it
    SMI is member of European Meteorological Society

    RispondiElimina
  6. Rispondo a taro...

    Quel fenomeno particolare (cielo a strati) è la dimostrazione che si stanno effettuando esperimenti di elettromagnetismo, tramite l'emissione di onde a bassissima frequenza (da 4 a 14 hz). Onde che vengono trasportate dalle nubi chimiche, i quali composti chimici facilitano la propagazione dei segnali oltre la linea dell'orizzonte.

    RispondiElimina
  7. Rispondo a Giorgio...

    Quando certi individui non hanno argomentazioni, allora puntano sul demolire, ridicolizzare, delegittimare il loro avversario. E' tipico. Vi siamo abituati. Sono dei perdenti, perché non hanno il coraggio di cambiare idea, nemmeno davanti a fatti eclatanti.

    RispondiElimina
  8. è lo stesso discorso circa il crollo delle torri gemelle portato avanti da super tecnici,con motivazioni tecnicistiche che nessuno comprende,così che ci si può quasi quasi convincere,e che diamine!sono tecnici e concludere che hanno ragione!
    MA TUTTI I LORO CHIARIMENTI,ASSOLUTAMENTE OSCURI AI PIU',CADONO DIFRONTE ALL'EVIDENZA DELLE ESPLOSIONI CHE LANCIANO CON VIOLENZA MATERIALE SISTEMATICAMENTE PIANO PER PIANO,COSI' EVIDENTI NEI FILMATI....A QUEL PUNTO NOI SIAMO I PARANOICI, GLI OTTUSI,GL'INCOMPETENTI CHE VOGLIAMO PESCARE A TUTTI I COSTI NEL TORBIDO!
    AL SOLITO SI GIRA LA FRITTATA...E NON RESTA ALTRO CHE OFFENDERCI...
    Angela

    RispondiElimina
  9. Grazie per la risposta Starker
    ma in pratica è una non risposta, la puoi attaccare a qualsiasi cosa, no?

    Non riesco a trovare in rete foto simili ai miei cumuli. Condizioni climatiche diverse magari ma manovre simili sì. Avete già visto immagini simili alle mie?

    Ti ho riportato sul mio blog. Ciao

    RispondiElimina
  10. Sì. Qui a Sanremo, quelle nuvole si vedono spesso. Anche alcuni utenti del forum di sciechimiche.org le hanno notate e fotografate.

    RispondiElimina
  11. altri avvistamenti su firenze,
    presa scia con intervallo di 4 ore.Se serve liberi di usare la foto, ciao.

    link

    RispondiElimina
  12. Ciao, Taro. Grazie per le info. Hai qualche dettaglio in più?

    RispondiElimina
  13. appena riesco a trovare del tempo, forse anche stasera, scrivo un piccolo report/post su questa e altre foto che ho fatto in questi giorni.

    Faccio sapè, Salut!

    RispondiElimina
  14. Ola gente, ecco la cronistoria e le immagini del nuovo avvistamento su firenze di venerdì 13/10/06.

    Salut!

    link

    RispondiElimina
  15. Figurarsi ragazzi, qualunque cosa sia...c'è!!

    RispondiElimina
  16. Come vorrei non fosse vero...

    P.S.

    Ho segnalato il Tuo post QUI, perché veramente ben fatto. Complimenti. :)

    RispondiElimina
  17. Sollevato del recupero con LC.

    Salut! a presto

    RispondiElimina
  18. 3^ segnalazione di sospetti passaggi aerei nel cielo Firenze.
    Ogni 20 gg circa, in sessioni e a intervalli diversi-

    Mi sto specializzando nella fascia 13,00-13,30.

    Ormai il caso lascia spazio solo all'evidenza: stanno combinando qualcosa link

    RispondiElimina

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione (esclusi gli utenti autorizzati) prima della loro eventuale pubblicazione.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

AddThis