domenica 10 settembre 2006

Scie nell'Oltrepo pavese (testimonianza di Agreen)

Pubblichiamo la testimonianza di una gentile utente del forum di www.sciechimiche.org Vale più di tante analisi, di tante disquisizioni accademiche e fuorvianti su quote, tipi di velivoli, corridoi aerei, carburanti, dissertazioni oziose che lasciamo agli oziosi dell'MD-80 e sodali.

Vorrei raccontare la mia esperienza, ma soprattutto la mia rabbia. Conosco le scie chimiche dall'estate del 2003, quando ho visto morire tanta vegetazione e tanti animali intorno a me. Ancora adesso, nel bosco, c'è una grande macchia marrone che si vede anche da lontano. Qui dicono che è una malattia dei pini ad averli uccisi, peccato solo che le malattie arrivino sempre quando ci sono le condizioni adatte. Nel 2004 e nel 2005, le scie si sono viste pochissimo, ma quest'anno ci hanno letteralmente ricoperti. Nel mese di maggio ho fotografato le scie in formazione, quando ancora si poteva vedere qualche spazio azzurro e le foto somigliano a tante altre che ho potuto vedere in questo ed in altri siti.

Da più di tre mesi non si vede più il sole. La mattina, appena sveglia, noto che il cielo è già tutto bianco, fa molto caldo e l'aria è opprimente. A volte, in contrasto con alcune "nuvole" molto bianche, il resto del cielo sembra azzurro, ma, a guardare attentamente, è solo grigio azzurrino e la quantità di luce che entra in casa è molto scarsa. Ma la maggior parte delle volte, le nuvole sono scure, a volte diventano minacciose e sembra che debba venir giù il finimondo: lampi, tuoni e vento fortissimo, ma non succede mai niente, al massimo poche gocce d'acqua. In compenso, una sera ho ricevuto una scarica elettrica sulla casa; uno dei miei cani, che era disteso sul pavimento, ha fatto un salto e il televisore si è spento con gran rumore.

Naturalmente, niente sole e niente vitamina D; insomma nessuno si sente molto bene e sembra di vivere su uno strano pianeta. Avendo interesse per gli animali e per l'ambiente in generale, abitando in campagna, so perfettamente quando l'ambiente che mi circonda è sano. In questo momento non lo è. Sono spariti molti insetti che abitualmente popolavano questa zona ed anche molti animali superiori. In quest'ultimo anno, sono riuscita a vedere un solo scoiattolo e tanti uccelli sono letteralmente spariti. Gli ultimi sono stati i corvidi (gazze, cornacchie grige e via discorrendo).
La conferma sulla sparizione di molte specie in questa zona, mi è arrivata da un rapporto della pubblicazione "La nuova ecologia" che, però, attribuisce il fenomeno all'uso di prodotti chimici nelle campagne. Il punto è che da sempre, in questa zona, si adoperano prodotti chimici ed i vigneti vengono addirittura irrorati, in alcune zone, con elicotteri che lanciano dall'alto una miscela micidiale che contiene anche piombo. Il bosco, fino a tre anni fa, era pieno di vita; adesso c'è un silenzio innaturale. C'erano sempre tante lucciole, ma quest'anno sono venute a morire in casa, si attaccavano alla pelle ed ai vestiti ed è stato molto penoso. Il mio prato ha perennemente il colore del fieno, nonostante io lo innaffi continuamente. E' evidente che c'è qualcosa che brucia la vegetazione, indipendentemente dalla siccità che in estate si ripresenta, puntualmente, da molti anni. Questo non è normale e lo sanno tutti quelli che osservano veramente l'ambiente, oltre che nominarlo.

Quello che mi fa arrabbiare moltissimo è il silenzio di "quelli che dovrebbero difendere l'ambiente". Come fanno a restare in silenzio di fronte a questo olocausto così imponente? Scusatemi per questa digressione che potrebbe sembrare non pertinente, ma credo che proprio l'indottrinamento che viene fatto in certi ambienti e che riduce, alla fine, tutti a dire le stesse cose, senza spirito critico e senza ricerche personali, spinge le persone a non guardarsi mai intorno, al di fuori dei binari già tracciati da altri. Per ora spargo la voce il più possibile e mi arrabbio anche, moltissimo.

PS: Questo è il cielo di mezzogiorno sopra di me, ripreso il 6 c.m e sembra il cielo di mezzanotte...

Nessun commento:

Posta un commento

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione (esclusi gli utenti autorizzati) prima della loro eventuale pubblicazione.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

AddThis