giovedì 2 aprile 2015

L’alluminio nel suolo danneggia le colture

Una recente ricerca conferma – lo denunciamo da anni - che i suoli sono contaminati dall’alluminio. Non è l’alluminio di origine geologica, a differenza di quanto affermato dalla disinformazione, ma quello derivante dalla geoingegneria clandestina. Davvero sbalorditivo e, al tempo stesso, vergognoso il “rimedio” suggerito dagli “esperti”, ossia coltivare piante in grado di resistere a questo metallo, sì magari transgeniche, secondo il solito, collaudato schema problema-reazione-risoluzione.



Negli ultimi quarant’anni anni un terzo dei terreni coltivabili di tutto il mondo è stato perso perché non produceva più. Uno degli elementi maggiormente responsabili di questo processo è l’alluminio che costituisce un problema in particolare per i suoli acidi: circa il 40% dei terreni agricoli del mondo. In questi suoli, i minerali si dissolvono e rilasciano in soluzione il metallo, che poi limita la crescita delle piante. Nonostante gli effetti dell’alluminio fossero noti sin dai primi del Novecento, le ragioni alla base della sua tossicità non sono mai state comprese fino in fondo.

Grazie ad una combinazione di tecniche e all’uso del microscopio TwinMic, che usa la luce di sincrotrone di Elettra, l’équipe di ricerca di Elettra Sincrotrone Trieste in AREA Science Park, ha ‘fotografato’ per la prima volta le modalità d’accumulo dell’alluminio nelle radici dei semi di soia, in funzione dei tempi di esposizione.

Lo studio ha dimostrato che le conseguenze tossiche dell’alluminio sono estremamente rapide, manifestandosi già a partire dai primi cinque minuti di esposizione al metallo e sono dovuti a un’inibizione diretta dell’allungamento di determinate cellule situate all’apice della radice e direttamente responsabili della sua crescita.

“Impiegando TwinMic e la tecnica della fluorescenza ai raggi X – commenta Alessandra Gianoncelli, ricercatrice di Elettra – siamo riusciti ad ottenere una serie di mappe chimiche che hanno evidenziato come l’alluminio si concentri nelle pareti di queste cellule, impedendone l’allentamento e l’allungamento necessari. In questo modo le radici non possono crescere e la pianta non potrà accedere all’acqua ed ai nutrienti necessari per portare a termine il ciclo riproduttivo. L’effetto è già chiaramente visibile in pochi minuti, ma, anche lasciando passare 24 ore, le cellule in cui l’alluminio si è concentrato sono sempre quelle collocate nella stessa zona della radice”.

“Questo studio – precisa Peter Kopittke dell’Università australiana del Queensland, primo autore della pubblicazione – è una chiave importante per la corretta costruzione di strategie atte a contrastare la perdita dei suoli agricoli. Una possibile soluzione per tutelare la produzione agricola passa, infatti, attraverso la produzione di colture più resistenti all’alluminio (sic!!!). A questo scopo la conoscenza dei meccanismi d’accumulo e d’azione del metallo, a livello cellulare e subcellulare, è di fondamentale importanza”.

La ricerca, pubblicata sulla rivista “Plant physiology”, ha visto la collaborazione di Università del Queensland (Australia), Università dell’Australia del Sud, Università di Oxford ed Elettra Sincrotrone Trieste in AREA Science Park.

Fonte: greenplanner


Vietata la riproduzione - Tutti i diritti riservati.

Sponsorizza questo ed altri articoli con un tuo personale contributo. Aiutaci a mantenere aggiornato questo blog.

La guerra climatica in pillole

Le nubi che non ci sono più

Per una maggiore comprensione dei fenomeni legati alla guerra ambientale in corso, abbiamo realizzato l'Atlante dei cieli chimici.

Chi è Wasp? CLICCA QUI

CHEMTRAILS DATA

Range finder: come si sono svolti i fatti

32 commenti:

  1. Straker e Zret...la situazione è sempre peggio! Oggi inferno di scie persistenti in toscana, ma penso su tutta italia!

    RispondiElimina
  2. Straker e Zret, la situazione è in netto peggioramento. Oggi in toscana, ma penso su tutta italia, inferno di scie persistenti! Alluminio e Bario a fontana!

    RispondiElimina
  3. E' giorni che stanno esagerando,,,la situazione peggiora a vista d'occhio. Il cielo è mostruoso...i cumuli da bel tempo non esistono. La terra chiede aiuto, la vita chiede aiuto e nessuno che ALZASSE GLI OCCHI AL CIELO. I Criminali della Nato e quel popolo Italiano (televideodipendente) che subisce, non reagisce, non guarda il cielo. I militari (e non solo) non si fermano. Questi non si fermano...Questi sono dei Mostri, siamo sotto UNA DITTATURA folle. I cieli sono ormai LATRINIFORMI. Pochi ancora gridano a Dio disperati la loro rabbia e molti sono troppo Dementi per compredere cosa di mostruoso si sta schiantando sull'umanita'. Ogni paese che passa sotto dominio Nato viene schiavizzato...La popolazione depredata del Lavoro, Della verita', Del cielo; viene Affamata, Impaurita ed Avvelenata! I Criminali sia al governo che fuori. FUORI LA NATO E I POLITICI DAI PIEDI!! Anche gli anziani sono una delusione, loro che dovrebbero ricordare meglio il cielo, non guardano non sentono e non parlano...e i piccoli che nascono sono abbandonati sia dai genitori che dai nonni!VERGOGNA!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la penso uguale.
      questa e la precedente è la generazione più criminale di tutte.
      tutte cazzate che siccome vengono dalla guerra, preferiscono guardare in giù, perchè in su hanno ancora il ricordo delle bombe.
      tutte cazzate.
      struzzi.
      dovrebbero dare l'esempio e ribellarsi, pacificamente, ma indignarsi quantomeno.
      e invece hanno forgiato un'altra generazione di idioti viziati che preferisce confliggere ogni santo giorno col marito o con la moglie piuttosto che indirizzare queste energie contro gli autori veri del male assoluto. anche se anonimi. preferiscono combattere il visibile anzichè l'invisibile.
      ma, soprattutto, non riescono (perchè non abituati e non educati dai genitori di cui sopra, a farlo) e non vogliono, porsi neanche una, dico una sola, domanda che non sia: oggi che vestito mi metto? oppure, oggi che c'è in TV?
      ambedue, generazioni di minchie mosce, terreno fertile per ogni genere di sopruso e manipolazione.
      minchie e fighe mosce.

      Elimina
    2. Come non darti ragione. E' realtà purtroppo. Menefreghismo totale = strada spianata per il nuovo ordine mondiale.

      Elimina
  4. Oggi si sono davvero scatenati. Continui passaggi a tutte le altitudini: scie alte, medio-alte, basse e persino bassissime. Molte scie parallele ultimamente. Ma la geometria cartesiana sembra affascinarli alquanto: assi ortogonali con rette, semirette e poligoni di cui si dovrà calcolare l'area.
    Sembra di essere tornati sui banchi del Liceo.

    RispondiElimina
  5. ho notato analoghe forme anch'io wlady, qui nelle marche.
    ma dove sono gli amici siciliani, calabresi, campani, laziali, umbri, piemontesi?
    siamo solo liguria, lombardia, emilia romagna, toscana e marche????
    fatevi sentire. per favore.
    date una mano anche voi!!
    non sempre possiamo contribuire, sia a parole che economicamente, solo noi!!!
    dove cazzo siete?????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La devastazione arriverà ad un suo culmine ed a quel punto la polvere non potrà più essere nascosta sotto il tappeto. Resistiamo. Gli infami soccomberanno.

      Elimina
    2. E' da Domenica che quì in Toscana ci stanno affogando con le stra persistenti a bella vista senza indugio.
      Chissà che tempo farà per Pasqua con tutto questo troiaio che hanno fatto.

      Elimina
  6. Piemonte è dal giorno dopo l'incidente aereo (unico stop consentito) che stanno disegnando il cielo in lungo e in largo cosa da far inorridire le menti più chiuse ebbene non c'è essere umano che si accorga di tale scempio. Sembrano tutti inebetiti anche i ragazzi quando dico ma vedi che scie stanno facendo? E loro si sono quelle degli aerei. Non si rendono minimamente conto di ciò che sta succedendo. Ho notato una differenza nel giorno 1 aprile mentre nel milanese non c'era neppure uno sfregio nella vicina regione il Piemonte sic le scie erano ininterrotte ed essendoci un cielo limpido si notavano perfettamente.

    RispondiElimina
  7. http://terrarealtime.blogspot.it/2015/04/muos-i-carabinieri-sequestrano-la-base.html#more
    A quanto pare stanno esercitando un diritto???.
    Dato che so che non esistono eroi vivi mi chiedo
    a) è un'azione dimostrativa per essere stati esclusi dalla spartizione del potere in questo caso è la mafia che agisce
    b) è un contentino dato per poi affondare il colpo successivamente
    Il resto anche se mi piacerebbe molto non mi sembra realistico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era un atto dovuto della magistratura locale. Se non avessero dato seguito alla sentenza del T.A.R., si sarebbe configurato reato di "Omissione d'atti d'ufficio".

      Elimina
    2. Grazie della risposta. Cioè i magistrati non vogliono avere rogne. Sono innumerevoli gli esempi di casi di omissione di atti d'Ufficio non perseguiti, e lasciati cadere nel silenzio. Non vogliono dare spunto ai movimenti di attivisti per qualcosa di più corposo. Si adeguano alla legge controvoglia tanto ci penseranno successivamente a proseguire i lavori.

      Elimina
    3. Esatto Eleonora, significa far perdere di significato la manifestazione di domani agli occhi di stampa, nomuos, e mafia, per poi consentire agli usa di passare al contrattacco in silenzio.

      Elimina
  8. ot,pilota trovato morto nella macchina???

    http://www.stampalibera.com/index.php?a=29217

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era una delle ipotesi del giorno dopo. Io non posto più stampa libera. Il tizio è un imbecille. Riporta notiziw anche di anni orsono spacciandole.per recenti. E manco le verifica Facendo un servigio ai disinformatori

      Elimina
    2. Purtroppo si indulge facilmente al sensazionalismo.

      Elimina
  9. L'ECA (associazione piloti europei con 38000 iscritti! anche se a me sembrano tantini...) attacca il procuratore. "Troppa fretta nelle indagini danneggia inchiesta". http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=14876

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nessuno vuole perdere la faccia ma la verità è li pronta d esplodere,chissà in quanti stanno sudando freddo.
      Intanto la gente comincia ad avere paura di volare,bene,anzi benissimo!.
      Questo "incidente" tra l'altro,rischia di costare tantissimo alla Lufthansa,speriamo possa essere il granello che farà saltare tutto l'ambaradan.

      Elimina
  10. Vergognoso, non se ne può più. Alzo gli occhi al cielo e lo scenario è sempre lo stesso...non ce la faccio più a non fare nulla, a rimanere inerme...in salento, il sole, che dovrebbe contraddistinguere questo posto è ormai nascosto dietro ad un velo di veleni...scatto foto, mi mobilito, faccio qualcosa, ma ormai non so più di chi fidarmi e chi è veramente al mio fianco a lottare contro questi criminali...e mi fermo qui...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Flavio. conforta me sapere che anche la Puglia e il Piemonte (Eleonora) e la Sardegna (mike) son qui :-)
      figuriamoci ai fratelli Marcianò :-)

      Elimina
  11. NEWS: Un amico fidato che fa il rappresentante, è svenuto subito dopo il volo Firenze-Mosca.
    Si e' sentito male sull'aereo, ha iniziato ad accusare nausea e sonnolenza. (compagnia Lufthansa).
    Appena sbarcato in Russia, sceso dalla passerella, è caduto per terra secco e duro come una pera cotta!
    Appena si è ripreso, dopo i soccorsi, vomito a volontà e febbre a 40. Non sappiamo se altri passeggeri hanno avuto lo stesso problema, ma indagherà.
    Che dire? La sindrome aerotossica colpisce ancora!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. incredibile. un'intossicazione paurosa e repentina. concentrazioni elevatissime per dare questo effetto così immediato.
      facci sapere come sta poi.

      Elimina
    2. Benvenuti a bordo della Toxic airlines.

      Elimina
  12. I casi Aumentano,,,,MALORI A BORDO!
    https://it.notizie.yahoo.com/atterraggio-demergenza-per-volo-germanwings-malore-per-passeggero-154100737.html

    RispondiElimina
  13. Quanto hanno riversato in atmosfera in questi giorni che precedono la Pasqua è stato qualcosa di allucinante. E ieri hanno superato se stessi con infiniti passaggi.
    Verso le 6 del pomeriggio il cielo appariva come qualcosa di raccapricciante: una spessa coltre chimica copriva il cielo a trecentosessanta gradi. Non ancora contenti si scorgevano le sagome di dense scie che trasparivano al di sopra del tossico sudario.
    Non so più che cosa dire. Le autorità sono tutte colluse nel mantenere il silenzio, il cover-up sul più grande scandalo nonché crimine di tutti i tempi. Ma arriverà la resa dei conti presto, molto presto anche per loro.

    RispondiElimina

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione (esclusi gli utenti autorizzati) prima della loro eventuale pubblicazione.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

AddThis