lunedì 1 dicembre 2014

Caronia: il sindaco ritiene che i roghi siano dovuti ad esperimenti militari

A differenza della stragrande maggioranza dei media ufficiali, riteniamo doveroso dar spazio all’odissea che stanno vivendo gli abitanti di Canneto di Caronia (Messina). Reputiamo che gli incendi ed altri fenomeni all’apparenza inspiegabili siano il fulcro di operazioni cruciali, anche se per lo più ignorate. Per ora, una sola osservazione: dopo che la frazione di Caronia è stata sgomberata, i roghi continuano: è la conferma che erano insinuazioni calunniose quelle di chi accusava i residenti di essere dei piromani.



Palermo. Potrebbero essere gli esperimenti militari la causa dei misteriosi incendi che, dal 2004, sgomentano gli abitanti di Canneto di Caronia (Messina). Ad asserirlo, ai microfoni di “Restate scomodi”, programma trasmesso da Radio Uno dal lunedì al venerdì alle 15:30, è il sindaco di Caronia, Calogero Beringheli. Beringheli ha affermato di essere in possesso di una relazione riservata, preparata da una commissione scientifica incaricata di studiare il fenomeno.

“Lo studio - spiega il primo cittadino - rivela che fra le ipotesi più probabili delle combustioni bisogna annoverare proprio la sperimentazione di armi che diversi stati starebbero usando. Noi vogliamo sapere quali sono questi paesi. Tutto è fermo dal 2007, i monitoraggi sono stati interrotti, la commissione ha proposto alla Protezione civile di potenziare la rete dei sensori. Noi vogliamo sapere che cosa sta accadendo”.

Gli incendi, cominciati nel 2004, sono ripresi qualche mese addietro dopo una pausa. Il sindaco di recente è stato costretto ad ordinare lo sgombero delle case dei 148 abitanti della frazione. “Finché non saranno state individuate le cause - afferma Beringheli - la popolazione sgomberata non tornerà nelle abitazioni”.

Oltre ai roghi altri strani fenomeni hanno interessato la zona: dallo moria di alcune specie ittiche ai danni subiti da un elicottero della Protezione civile che sorvolava la frazione.

“A mio parere, lo Stato sa se ci sono esperimenti in corso – chiosa il sindaco - Lo Stato o qualche istituzione sa ed è assurdo che non sia stato comunicato nulla”.


Fonte: lasicilia.it




Sponsorizza questo ed altri articoli con un tuo personale contributo. Aiutaci a mantenere aggiornato questo blog.

La guerra climatica in pillole

Le nubi che non ci sono più

Per una maggiore comprensione dei fenomeni legati alla guerra ambientale in corso, abbiamo realizzato l'Atlante dei cieli chimici.

Chi è Wasp? CLICCA QUI

CHEMTRAILS DATA

Range finder: come si sono svolti i fatti

14 commenti:

  1. cavolate!!
    il sindaco cita l'arcinota relazione del precedente comitato pluridisciplinare presieduto dall'arch. Venerando Mantegna che ora si vuole azzittire con il nuovo comitato, presieduto da diversi rappresentanti filogovernativi, Stato, Regione, Comune, ed in cui, per il Comune, il sindaco, che fa a aprole il paladino della Giustizia, ha designato ed INCARICATO l'unico Tecnico che non doveva proporre, cioè l'ing. Patrizia Livreri, la superconsulente proMUOS, a causa del parere positivo della quale (unitamente ad un altro tecnico), il MUOS è stato autorizzato, contro pareri ben più prestigiosi di alcuni altri tecnici e docenti universitari.
    ne avevamo già accennato qua:
    http://www.tankerenemy.com/2014/11/chlorovirus-il-patogeno-che-sta.html#.VHyn7Wfm4pw

    RispondiElimina
  2. Pare proprio che il borgomastro voglia stare con il piede in due staffe, tipico atteggiamento di molti uomini delle istituzioni. Hanno creato una commissione che il è non plus ultra per insabbiare, anzi incenerire tutto.

    Ciao

    RispondiElimina
  3. Infatti, Zret, la relazione conclusiva tombale di tutta l'annosa vicenda (che dovranno consegnare entro il 31 dicembre 2014) è gia scritta: i roghi avvengono perché "le placche rocciose si spingono". La tesi era da anni già in tasca ad un geologo/geocomico di grido che, guardacaso, è stato nominato in questo comitato. Si son dimenticati Tozzi e Fantozzi, per il resto ci sono tutti!

    RispondiElimina
  4. Monsoni mediterranei secondo l'intellighenzia del clima

    “Dall’ottobre 2013 – scrive Luca Mercalli su La Stampa -, l’Italia e gran parte d’Europa sono soggetti a una configurazione meteorologica quasi bloccata, con ripetuti afflussi di aria umida da Sud-Ovest salvo effimeri intermezzi anticiclonici. Una sorta di ‘monsone atlantico-mediterraneo’, con le perturbazioni che si avvicendano seguendo sempre lo stesso schema, esponendo così a piogge abbondanti le medesime regioni, soprattutto quelle del Nord e del versante tirrenico, laddove il libeccio gravido di umidità marittima incontra Alpi e Appennini”.

    Un vero fenomeno ... da carogna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dimenticavo il link http://www.blitzquotidiano.it/opinioni/riccardo-galli-opinioni/maltempo-pioggia-macondo-monsone-mediterraneo-2039368/

      Elimina
    2. infatti da giorni marche in umido. e fetore farmaceutico.

      Elimina
  5. qualcuno lo ha già letto?
    http://informatitalia.blogspot.it/2014/12/ex-maresciallo-dellaeronautica-scrive.html

    RispondiElimina
  6. Incredibile. Ma cosa sono quelle zone mobili verdi in centroitalia?

    RispondiElimina
  7. I gestori del server per tanker-enemy.eu mi segnalano un tentativo di phishing. I soliti noti all'opera.

    RispondiElimina

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione (esclusi gli utenti autorizzati) prima della loro eventuale pubblicazione.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

AddThis