mercoledì 12 febbraio 2014

I filamenti aerei secondo il C.I.C.A.P.

Oggi il C.I.C.A.P., per tentare di nascondere la verità a proposito dei filamenti aviodispersi (derivanti dalla decomposizione dei carburanti) [1] ha diffuso la fandonia dei ragni migratori che migrano in ogni stagione. Sarebbero Aracnidi dai mirabolanti poteri, in grado di tessere tele gigantesche, ad ogni latitudine, in ogni mese dell’anno, a tutte le quote. Che cosa scriveva, però, il comitato di negazionisti qualche anno addietro? Quali furono le conclusioni di analisi condotte in tempi non sospetti? Scopriamolo insieme. Tra le altre cose, potremo appurare che la scienza (?) del C.I.C.A.P. è come la storia nel romanzo "1984" di Orwell, soggetta a continue revisioni ed aggiustamenti affinché essa risulti organica ad esigenze di mistificazione. Non è quindi scienza, ma, nel migliore dei casi, ideologia, un'ideologia incarnazione di un potere tanto iniquo quanto ottuso.



Secondo il racconto di un testimone oculare, una copiosa caduta di filamenti bianchi si sarebbe verificata a Vercelli e dintorni il giorno 8/11/1999 a partire dalle 13:30 circa. Il fenomeno sarebbe durato parecchie ore: secondo la stessa testimonianza, infatti, esso sarebbe stato ancora in atto alle ore 16,30. La testimonianza (raccolta da Massimiliano Grandi, socio del C.I.S.U., Centro Italiano Studi Ufologici) è corredata da un filmato, ripreso la mattina successiva dal testimone oculare in località Carisio (VE), che mostra un campo cosparso dei suddetti filamenti. Vari campioni di presunti "capelli d'angelo" sono stati raccolti, in data 11/11/1999, da Matteo Leone, anch'egli socio del C.I.S.U.

Qui di seguito riporto il rapporto preliminare di sopralluogo e prelievo redatto da Matteo Leone.
Rapporto preliminare di sopralluogo e prelievo su caso di "capelli d'angelo".

In data giovedì 11 novembre 1999, ore 10 circa, sono giunto in località Carisio (VC), nei pressi della corrispondente uscita dell'autostrada A-4 TO-MI per eseguire un sopralluogo ed eventuali prelievi relativi ad un caso di "capelli d'angelo". Seguendo le indicazioni pervenute la sera prima, grazie ad un testimone sopraggiunto in sede per l'occasione, uscendo dal casello di Carisio, mi sono diretto verso Vercelli. Dopo alcune centinaia di metri, avendo individuato una strada sterrata, mi sono fermato per cercare tracce dei filamenti biancastri segnalati dal testimone in questione. Ancora in automobile ho avuto modo di vedere, sulla superficie anteriore di un cartello stradale, dei filamenti bianchi. Sceso dall'auto, ho constatato che i filamenti erano presenti anche sul lato posteriore del cartello e che il loro aspetto era simile a quello delle ragnatele.

Altri filamenti, sebbene in quantità ridotta, risultavano presenti tra i fili d'erba e i rami degli alberi sul bordo dei campi coltivati. Le condizioni meteorologiche inclementi (freddo, pioggia e vento: la pioggia, in particolare era cominciata la notte prima, tra mercoledì e giovedì) hanno impedito un sopralluogo più approfondito all'interno dei campi. La consistenza dei filamenti appariva tenace ed appiccicosa. Questo faceva sì che i filamenti manifestassero la tendenza a saldarsi reciprocamente dando luogo a grumi di materiale biancastro ben visibile. Il vento pur forte non era in grado di vincere il carattere appiccicaticcio del materiale (una volta raccolti risultava difficile perderne qualcuno per via del vento). Questo ha comportato una certa laboriosità nel processo di raccolta dei campioni, poiché questi rimanevano più facilmente incollati ai guanti che alla superficie interna dei sacchetti usati. Il colore bianco tendeva a scurirsi con la manipolazione, specie se associata a compressione e sfregamento. La distribuzione dei filamenti variava notevolmente con le zone. In alcune era visibile un filamento ogni qualche metro quadro, in altre la densità era molto minore e difficilmente quantificabile. La quantità complessiva di materiale "visto" non è comunque paragonabile a quella - assai superiore - visibile nel filmato girato dal testimone di cui sopra. Sono stati "riempiti" cinque sacchetti: alcuni contenenti solo uno o due filamenti singoli di breve lunghezza, altri contenenti varie "matasse".Le operazioni di perlustrazione e prelievo sono durate circa un'ora. Non è stata effettuata alcuna indagine d'ambiente.
Matteo Leone - Socio CISU

Rapporto preliminare ultimato in data 17/11/99

Uno dei campioni raccolti è stato consegnato da Matteo Leone al sottoscritto (Davide Vione), presso il Dipartimento di Chimica Analitica dell'Università di Torino affinché eseguissi analisi volte a chiarire, per quanto possibile, la natura del campione. Qui di seguito sono riportati procedure analitiche e risultati.

Metodologie di analisi

Aspetto del campione Alla vista, il campione appare di colore bianco, di aspetto filamentoso e di composizione omogenea. Si può escludere una presenza rilevante di materiali estranei (come terriccio, erba etc.), il che facilita il lavoro di analisi. La metodologia adottata prevede una serie di test di dissoluzione con diversi reattivi, allo scopo di identificare la natura del campione per confronto del suo comportamento con quello, noto, di altri materiali. Tale procedura permette di verificare le ipotesi preliminari che sono state formulate. Qui di seguito è riportata la procedura dettagliata per la preparazione di uno dei reattivi, specifico per la seta, in quanto tale preparazione richiede particolare attenzione. Ho ritenuto opportuno inserirla in quanto tale test, eseguibile anche sul campo, permette velocemente di verificare una delle ipotesi che sono state formulate riguardo ai "capelli d'angelo", vale a dire che si tratti delle ragnatele di particolari specie di ragni. Mi auguro che tale procedura possa risultare utile in casi futuri.

Preparazione del reattivo di Loewe

Il saggio di Loewe è un test di dissoluzione specifico per la seta. Data una sostanza incognita, se essa è insolubile nel reattivo di Loewe si può concludere che non si tratta di seta. Se la sostanza è solubile, vi sono buone probabilità che si tratti di seta, ma è consigliabile fare altre prove di controllo. La tela di ragno, molto simile alla seta, è solubile nel reattivo di Loewe. […]

La procedura da seguire è la seguente

Dissolvere 10 grammi di solfato di rame (CuSO4•5H2O) in 100 millilitri di acqua distillata. Il solfato di rame è un composto solido di colore blu chiaro, solubile in acqua,e la soluzione che si ottiene ha un bel colore blu-azzurro. Agitare bene la soluzione (bastano una bacchetta o un bastoncino, purché puliti) fino a completa dissoluzione del solfato di rame: non deve rimanere un deposito solido sul fondo. Aggiungere alla soluzione 5 grammi (4 millilitri) di glicerina. Agitare la soluzione fino a renderla omogenea.

Aggiungere delle pastiglie di idrossido di sodio (NaOH) solido, agitando bene la soluzione fino a dissoluzione completa di ogni pastiglia. Inizialmente la soluzione diventa torbida ed assume una colorazione azzurra più chiara (è il colore dell'idrossido di rame): bisogna continuare ad aggiungere idrossido di sodio e ad agitare. Proseguendo con l'aggiunta di pastiglie di idrossido di sodio, la soluzione assume un colore blu scuro e ridiventa limpida (l'idrossido di rame si dissolve): il reattivo di Loewe è pronto.

Si consiglia vivamente di provare il reattivo su un filo di seta o su della tela di ragno: se il reattivo scioglie la seta (la reazione è rapida ed avviene in 1-2 minuti) questo significa che si è operato correttamente. In caso contrario, vuol dire che si è commesso qualche errore nella preparazione. In tal caso è necessario rifare tutto da capo, cercando si capire quale errore è stato commesso. Se ciò che si è preparato non scioglie la seta, è del tutto inutile provarlo su un campione incognito (capelli d'angelo o altro).

La tela di ragno è un materiale molto facile da reperire. Va tuttavia notato che le ragnatele che si possono trovare in casa sono generalmente ricoperte da uno strato di polvere, tanto che di solito appaiono nerastre (la tela di ragno pulita è bianca). Beninteso, il reattivo di Loewe scioglie la ragnatela ma non lo sporco che la ricopre, per cui non ci si può aspettare la dissoluzione completa di un campione sporco. Le stesse considerazioni vanno svolte per i campioni di capelli d'angelo, assicurandosi che non sia presente materiale estraneo.

Risultati dei test eseguiti

In tabella sono riportati i risultati dei test di dissoluzione eseguiti sul campione di "capelli d'angelo" (filamenti polimerici, n.d.r.) con diversi reattivi. La stessa tabella riporta il comportamento di altri materiali con gli stessi reattivi impiegati. Le caselle bianche indicano che il materiale è insolubile nel reattivo adoperato. Le caselle colorate indicano che, al contrario, il reattivo è in grado di dissolvere il materiale. In caso di solubilità parziale si è usata una colorazione mista. Si noti che il campione di "capelli d'angelo" è risultato insolubile in tutti i reattivi utilizzati.

L'immagine mostra che i capelli d'angelo non sono sciolti da nessuno dei reagenti che normalmentesciolgono le fibre. Seta e tela di ragno si dissolvono nel reattivo di Loewe e nell'acido solforico concentrato; cellulosa, rayon, lana di pioppo e cotone in acido solforico concentrato e (parzialmente) in acido cloridrico concentrato; le fibre acriliche nel dimetilsolfossido; il nylon in acido solforico concentrato e(parzialmente) in acido cloridrico concentrato; i capelli d'angelo in nessuno dei reattivi citati.

Conclusioni

I risultati riportati in tabella indicano che il campione di "capelli d'angelo" non può essere identificato con alcuno dei materiali riportati. Tale risultato permette comunque di escludere le ipotesi preliminari. Relativamente al campione esaminato, si può dunque concludere quanto segue:

non si tratta di tela di ragno;
non si tratta di cellulosa o di materiali simili alla cellulosa (il che esclude la possibilità che si tratti di lana di pioppo o di rayon).

Davide Vione per il C.I.C.A.P.


[1] I carburanti contengono idrocarburi non saturi e sono pertanto soggetti all'ossidazione la quale determina un peggioramento del combustibile, reso manifesto dalla formazione di gomme, sviluppo di colore ed abbassamento del numero di ottani. La polimerizzazione implica la formazione di catene. Da qui i filamenti di ricaduta. Non casualmente lo STADIS 450, contenente sali di bario, è un additivo che dovrebbe prevenire la formazione di depositi polimerici, come risulta dalla nota del produttore.

STADIS 450
Product Id: 10061

The purpose of an antioxidant additive is to extend the induction period and control gum formation by terminating the free radical chain reactions involved in hydrocarbon oxidation. The antioxidant selection and concentration levels depend on various factors, including storage conditions and petroleum fuel composition...


Sponsorizza questo ed altri articoli su Facebook. Contribuisci ora!


La guerra climatica in pillole

Le nubi che non ci sono più

Per una maggiore comprensione dei fenomeni legati alla guerra ambientale in corso, abbiamo realizzato l'Atlante dei cieli chimici.

Chi è Wasp? CLICCA QUI

CHEMTRAILS DATA

Range finder: come si sono svolti i fatti

43 commenti:

  1. Tanto lo sappiamo tutti come funziona, purtroppo :\

    Un'ottimo articolo, offre notevoli spunti di riflessione sulla mistificazione della realtà operata dai poteri forti.

    Ciao :D

    RispondiElimina
  2. Carlo Angela padre di Piero, fiero paladino del Cicap

    http://www.informarexresistere.fr/2014/02/12/il-padre-di-piero-angela-fu-uno-dei-piu-importanti-massoni-italiani-del-900/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E poi hanno la sfrontatezza di dire che la Massoneria non ha nulla a che fare con Lucifero. 'Dalle loro opere li giudicherete'.

      Elimina
  3. Oggi, come ieri, sono ri apparite quà e là le scie persistenti.
    La fisionomia del cielo, da stamani a stasera è mutata una decina di volte: Cielo azzurro, tutto ad un tratto bianco pallido, poi di nuovo azzurro, poi nuvoloso e così via. Repentini cambiamenti nell'arco di mezz'ora. E adesso ri piove.

    RispondiElimina
  4. hanno vinto loro. ha vinto la corrente estrema della nato. letta domani darà le dimissioni. non che mi dispiaccia. ma visto chi gli darà il cambio, mi chiedo se la smetteranno, adesso, di giocare con la guerra sul belpaese con gli aereoplanini telecomandati enav

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con Teo il neo, tutto è destinato a peggiorare in modo spaventoso.

      Elimina
  5. Il quadro si delinea nelle sue tinte fosche: avvocato del De Massis Federico alias Task Force Butler è, infatti, il vicepresidente del WWF Abruzzo, tale Fabio De Massis, già sotto osservazione da mesi. Mentre Presidente del WWF Abruzzo è Luciano di Tizio, già componente di spicco del C.I.C.A.P. e che, guarda caso, si era pronunziato sui filamenti di ricaduta, affermando che essi non sono altro che tele di ragni volanti. E su questa uscita proprio il De Massis Federico si era sbracciato per la soddisfazione.

    http://www.abruzzolive.tv/Filamenti_bianchi_dal_cielo,_Wwf_Abruzzo:__Nessun_mistero,_sono_tele_di_ragno_-_-_a_4772.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vediamo che "opera d' arte" esce fuori.
      Non vedo l' ora d' ammirarlo ;-)

      Elimina
    2. molto molto interessante. confermata ancora una volta la collusione delle associazioni ambientaliste italiane (WWF+CICAP ecc., Legambiente+DeBenedetti+PD+Sorgenia+inceneritori "buoni", Greenpeace+Rockfeller che rinnegano le scie chimiche, ecc.) coi gruppi di potere nazionali ed internazionali

      Elimina
  6. Cosa sono queste Undulatus Asperatus mai viste prima del 2006?
    Se non sbaglio il 2006 ha a che fare con la geoingegneria.

    http://www.funweek.it/strano/edu-nasa-fotografa-cielo-ondulato-nuova-zelanda.php

    RispondiElimina
  7. Una interessante e recente intervista del neurochirurgo Russell L. Blaylock, un divulgatore sui danni delle chemtrails gia' dalla prima ora, che prospetta un quadro di insieme includendo, oltre ai danni neurologici causati dale scie, anche il progetto eugenetico retrostante. Nomi e cognomi dei coinvolti forniti. L'Agenda 21 prende forma.
    http://www.youtube.com/watch?v=tzj35cCghgA

    RispondiElimina
  8. Scusate, ho postato il link sbagliato. Quello corretto e'
    http://www.youtube.com/watch?v=4Y0zDsYWWpw

    RispondiElimina
  9. Da quel che sta succedendo in campo politico, mi sa tanto che stiano usando l'Italia come cavia, come campo sperimentale in vista della proclamazione del NWO.

    Ovviamente approfittano del fatto che Napolitano soffra ormai di intolleranza senile se non di peggio, avendo egli smarrito il senso della decenza e anche una minima serenità di giudizio in un contesto che si vorrebbe ancora definire come 'democrazia'. E' un gioco al massacro - Monti, Letta, Renzi - che non ho idea di dove potrà portare se non allo sfascio definitivo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Circa due anni fa previdi l'intronizzazione del minus habens fiorentino. Colui ci porterà al disastro, in primis abolendo il contante.

      Elimina
    2. Scenario molto probabile, purtroppo. :/

      Paolo, l'Italia è ancora il centro del mondo, dopotutto, grazie infatti a Vatican S.P.A. possiamo godere per primi di questi servizi...

      MA ANCHE NO!

      Elimina
  10. Io non capisco come facciano i membri del CICAP ad essere così privi di amor proprio, così adulatori della menzogna ma, soprattutto, non capisco come possano essere così senza vergogna... siamo sicuri che siano sani di mente e non, magari, sociopatici?

    RispondiElimina
  11. Che Letta se ne andava, già lo sapeva da mesi, gli si leggeva in faccia, soprattutto nelle interviste.
    Troppo ottimiste erano le sue parole, e così ha passato la palla a Renzi. Dopo Renzi, a chi tocca?
    E' già il 3° presidente del consiglio non eletto da nessuno. Della serie: O così o pomì.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi ricordo che sosteneva che avrebbe sicuramente mangiato il panettone, arrivando fino a Natale, invece, non è arrivato nemmeno alla colomba.

      Per quello che riguarda il ricreato fiorentino, lui voleva essere eletto con regolari elezioni e che non avrebbe mai accettato nomine che non arrivassero dalle urne.

      Tutto viene consumato e digerito in quella nefanda scatola (ora piatta) televisione, e fintanto che ci sarà un'utenza obnubilata, scordiamoci il cambiamento.

      Elimina
    2. C ritroviamo con Teo il neo, un presidente cotto e stracotto, una specie di ribollita...

      Elimina
    3. Confezionare un false flag che legittimasse il governo-golpe Letta/Napolitano, evidentemente è servito solo per un inciucio di pochi mesi.

      Elimina
    4. Doveva aprire la strada al rottamatore

      Elimina
  12. io invece credo nella teoria usa e getta, come solito fare dai governi alleati. vedrete che non appena nominato renzi, napolitano si dimetterà per far spazio al prodino, già privatizzatore dell'IRI, e ora delle ultime briciole
    di finmeccanica, enel, poste (avete notato la pressante pubblicità pro buoni postali?), enav (sì, avete capito bene, l'enav, cioè chi ha in mano i nostri cieli....) napolitano scaricato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo con te, Pantos. Fedro scrive che, quando cambiano i governi, cambiano solo i nomi di chi governa. Todos caballeros.

      Elimina
    2. L'asino e il vecchio pastore

      Quando cambia il governo, molto spesso per i poveracci non cambia nulla se non il modo d'essere del padrone. Che sia vero lo indica questa piccola favoletta.
      Un vecchio pauroso faceva pascolare in un prato il suo asinello. Atterrito dall'improvviso gridare dei nemici, esortava l'asino a fuggire per non lasciarsi prendere. Ma quello, senza fretta: "Dimmi, credi che il vincitore mi metterà addosso due basti?". Il vecchio rispose di no. "Allora, purché mi si carichi di un unico basto, cosa mi importa chi devo servire?".

      Elimina
    3. che sia vero lo insegna anche la storia della colonizzazione del meridione con greci, romani, svevi, normanni, angioini, aragonesi, arabi, spagnoli, borboni, dal 1861 i savoia e dal 1943 gli anglo-americani con i mafiosi a fare il loro lavoro sporco. oggi, infine, anche tedeschi, francesi, spagnoli, israele, e cinesi con il nostro debito pubblico in mano e facili prestiti bancari a loro all'uopo concessi. mancano solo il burundi e il ghana. i meridionali hanno fatto sempre accomodare chiunque. fino a quando non hanno toccato il loro pane. dopo è stata insurrezione. sempre soppressa nel sangue per poi ancora ricominciare daccapo.

      Elimina
  13. Ma forse ho capito perchè Napolitano ha agito così: nonostante i suoi problemi legati all'intolleranza senile s'è reso conto che c'è aria di malcontento nel Paese e che la Politica è arrivata alla frutta. Pertanto ha compiuto una operazione di 'maquillage'...Renzi butterà fuori qualche espediente, qualche trovata demagogica tipo il salario minimo garantito nella speranza che quella categoria di degenerati facente politica riacquisti un minimo di dignità e di prestigio di fronte agli occhi della gente. Pia illusione quella dell'ultimo Savoia - famiglia fatale e ferale per il Bel Paese - Ma ormai è troppo tardi per loro,( frase che leggiamo nei 'Protocolli dei Savi di Sion' riferita ai goim, 'les jeux sont faits' ed è solo questione di tempo prima che una tempesta di proporzioni inaudite li spazzi via tutti quanti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E Boldrini & Grasso fanno come le due scimmiette, non vedo - non parlo?
      O si indignano solo a comando?
      Robe da far indignare anche l'immarcescibile Travaglio ...http://tinyurl.com/ng4mslq

      Elimina
    2. buogiorno.
      mi pare di ricordare che napolitano avesse detto che nominava letta perchè doveva fare la riforma elettorale altrimenti si sarebbe dimesso. ormai, quando sento qualche affermazione dei politici penso all'esatto contrario e ci azzecco. la cosa più penosa è che nessuno si indigna che non si vada al voto. a parte il discorso che potrebbe servire a niente ma che in questo modo dei condannati (renzi solo in primo grado al momento) mi vengano a dire che è il caso che non voto perchè non sono in grado di fare la scelta giusta, beh, non so a voi, ma a me girano molto forte. e poi hanno anche la sfrontatezza di dirti che non è una dittatura, fate un pò voi.
      buona giornata
      ps: qui cielo plumbeo senza pioggia. aspettiamo l'inizio del caldo e della siccità per lunedi 25 febbraio per buona pace degli alluvionati

      Elimina
    3. Li elimineranno per sostituirli con altri caudatari, ma non piangeremo sulle loro teste mozzate.

      Elimina
  14. Vado OT ma neppure troppo quando si parla di Cicap e disinformazione. Neppure troppo OT rispetto ai poteri che ci tengono per le palle.

    Questa notizia è stata riportata solo marginalmente e in modo caotico dai grandi quotidiani nazionali, e si intuisce il perchè.

    http://www.blitzquotidiano.it/photogallery/sebastian-edathy-spd-indagato-pedofilia-scandalo-governo-merkel-1793656/

    Sebastian grande sostenitore dello Ius Soli approvato in Germania nell’anno duemila. Figlio di immigrati indiani e ‘nuovo tedesco’ ... (?)

    Vizietto un po' trasversale nel teatro dell'orrore dal nome NWO, solo in Italia in soli 6 mesi nel 2013 sono stati 695 i bambini scomparsi
    http://tinyurl.com/ov9fd4c

    Le scie chimiche si combattono anche denunciando il livello di massima perversione dei burattini che firmano patti scellerati contro i popoli.

    Tornando alle scie qui venerdì si è scatenato l'inferno dopo le 12:00. Risultato da sabato pioggerellina venefica.

    RispondiElimina
  15. Ah, dimenticavo: stupende e macroscopiche scie chimiche stamattina pure incrociantisi ad angolo retto - a formare una bella croce in cielo - e dedicate a tutti i bravi cattolici che proprio in quel mentre uscivano dalle Messe domenicali. Una dedica partita dal quartier generale della NATO con la benedizione dei pontefici 'dioscuri' Ratzinger e Bergoglio.

    RispondiElimina
  16. quando riesco mi piace informarmi e solo nel web riesci ad avere un'informazione completa.
    ho scoperto a cosa serve la televisione! ad evitare che le persone parlino fra loro e capiscano troppo le cose.

    http://www.notav.info/post/una-piccola-storia-valsusina/

    ogni tanto ci vuole una notizia positiva
    viva la resistenza
    buona girnata

    RispondiElimina
  17. CHE NE PENSATE DI QUESTO DOCUMENTARIO?
    http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=nvvtamZIPWQ

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Senza dubbio l'Unione europea è un mostro controllato da lobbies, a loro volta controllate dai banchieri internazionali, a loro volta controllati da...

      Ciao

      Elimina

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione (esclusi gli utenti autorizzati) prima della loro eventuale pubblicazione.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

AddThis