martedì 28 gennaio 2014

Elysium


Los Angeles, 2154: l'umanità rimasta sulla Terra è una massa indistinta di criminali e di lavoratori, tutti controllati, per mezzo di androidi, da un'élite che da tempo si è trasferita su una stazione orbitante intorno al pianeta. La stazione ha un nome dal sapore classico: “Elysium”. Elysium è un mondo paradisiaco: la vegetazione lussureggiante circonda ville principesche dove vive la classe dirigente, al riparo da affezioni che una scienza medica avveniristica è in grado di debellare.

Un giorno un operaio con precedenti penali subisce un incidente nella catena di montaggio ed è esposto ad una dose letale di radiazioni. Gli rimangono più o meno cinque giorni di vita e l'unica tecnologia in grado di curarlo si trova su Elysium. Per arrivarci senza autorizzazione e senza che la navicella sia abbattuta prima dell'atterraggio, il protagonista deve scendere a patti con alcuni malfattori.

La pellicola si richiama ad una delle distopie cinematografiche più frequenti: la dicotomia tra oppressori ed oppressi in una società tecno-industriale. Le immagini si cristallizzano in uno scenario iperrealistico del nostro presente proiettato in un futuro appena dietro l’angolo.

Il regista, il sudafricano Neil Blomkamp, punta per lo più sul physique du rôle del protagonista, interpretato da un convincente Matt Damon, e su un intreccio nervoso, mentre la denuncia sociale non è molto caustica. La contestazione del sistema tende, infatti, a diluirsi nelle scene muscolose, secondo certi canoni della fantascienza deteriore alla “Terminator”: lo stesso eroe potenzia la sua forza con innesti cerebrali, introducendo nella produzione un’ambigua nota transumanista.

“E’ comunque interessante la visione che Blomkamp ha della Los Angeles del 2154, totalmente bilingue (inglese-spagnolo), quasi uguale a quella contemporanea nelle tecnologie e nella moda (veicoli volanti a parte), colma di rifiuti e di automi ubiqui.” (G. Niola)

“Elysium”, grattata via la patina futuribile, mira a riflettere la condizione attuale, con la profonda divaricazione tra un ceto elitario e la moltitudine degli sfruttati, afflitti dalla miseria e dalle malattie. Soprattutto marca la differenza tra un pianeta ridotto ad una sordida e polverosa baraccopoli e l’edenico buen retiro della stazione spaziale.

Non ci sorprenderà la noncuranza con cui la feccia globalista sta contaminando il globo: un rifugio dorato probabilmente è già pronto.

In uno scontro al fulmicotone tra il protagonista e gli uomini della security, il campione ribelle imbraccia un’arma automatica: sulla canna si legge “chemtrail”. L’apocalissi chimica ha l’algida esattezza di una parola scritta in caratteri squadrati, dove la lettera "T" ha le fattezze di una scia.

Scheda del film

ANNO: 2013
REGIA: Neill Blomkamp
SCENEGGIATURA: Neill Blomkamp
ATTORI: Matt Damon, Jodie Foster, William Fichtner, Alice Braga, Sharlto Copley, Diego Luna, Michael Shanks, Carly Pope, Faran Tahir, Talisa Soto, Ona Grauer, Wagner Moura, Jose Pablo Cantillo, Adrian Holmes, Maxwell Perry Cotton, Terry Chen.
FOTOGRAFIA: Trent Opaloch
MONTAGGIO: Julian Clarke
PAESE: Stati Uniti
DURATA: 109 minuti


Sponsorizza questo ed altri articoli su Facebook. Contribuisci ora!


La guerra climatica in pillole

Le nubi che non ci sono più

Per una maggiore comprensione dei fenomeni legati alla guerra ambientale in corso, abbiamo realizzato l'Atlante dei cieli chimici.

Chi è Wasp? CLICCA QUI

CHEMTRAILS DATA

Range finder: come si sono svolti i fatti

23 commenti:

  1. Quando vidi il film per la prima volta, non credevo ai miei occhi... Mi ripetevo: -Ma ho letto bene o le vedo ovunque?

    RispondiElimina
  2. E' una scelta casuale la foto di Matt Damon che impugna un'arma che ha scritto su "Chemrail"? Recentemente ho visto su you tube un video in cui due coniugi americani spiegavano come riconoscere i messaggi subliminali televisivi con cui siamo costantemente condizionati, e da allora non faccio che notare scritte, sequenze e montaggi "occulti". Ad es ho realizzato che le previsioni del tempo qui alla tv inglese sono confezionate con sequenze numeriche e cambi di immagine repentini che sicuramente inducono una sorta di ipnosi. Nei films questo processo deve essere addirittura sublimato.

    RispondiElimina
  3. L’apocalissi chimica ha l’algida esattezza di una parola scritta in caratteri squadrati, dove la lettera "T" ha le fattezze di una scia.

    RispondiElimina
  4. OT ieri qui tra Bologna e Modena ha nevicato tutta mattina ma senza attechire, poi "miracolosamente" ha smesso e il cielo si è velocemente liberato e oggi non c'è neanche una nuvola, solo la solita nebbia lattigginosa :/

    RispondiElimina
  5. Una grande notizia (ogni tanto) se viene confermata:
    Primo occhio artificiale in Germania, primo dispositivo per ripristinare la visione quasi perfetta ai ciechi.
    http://9gag.com/gag/a2N0WLd?ref=fb.s

    RispondiElimina
  6. In tema di avanzata robotica, si affaccia anche l'ipotesi di macchine che si autoriproducono, non escluso per via sessuale
    http://www.dailymail.co.uk/sciencetech/article-2543882/Could-robots-SEX-Experts-believe-machines-reproduce-humans-30-years.html
    L'articolo interpella, tra gli altri, la superstar della AI, il prof Warwick dell'universita' di Reading, il quale afferma che esistono gia' robots con cervelli biologici prodotti mescolando componenti tecnologiche e biologiche. Il professore afferma anche che non si tratta di fiction, e che i robots sono gia' capaci di produrre - e bene - altri robots.
    E noi che pensavamo che fossero visioni di Asimov in "I robot"!
    L'universita' di Liverpool e uno studio danese ammoniscono che bisogna preoccuparsi meno del riscaldamento globale per concentrarsi sul vero pericolo, il campo magnetico terrestre che e' sull'orlo del collasso e che potrebbe portare allo scambio dei poli magnatici terrestri, con conseguenti disastri per il pianeta.
    http://www.dailymail.co.uk/sciencetech/article-2545465/Forget-global-warming-worry-MAGNETOSPHERE-Earths-magnetic-field-collapsing-affect-climate-wipe-power-grids.html
    Infine un articolo che dimostra di che razza di controllo capillare sul territorio siano capaci le decine di droni che ci svolazzano sulla testa:
    http://www.dailymail.co.uk/news/article-2547882/Watch-amazing-footage-destruction-wreaked-rockfall.html

    RispondiElimina
  7. ma questi del politecnico ora che hanno scoperto le polveri ultrafini quanto ci metteranno a capire da cosa dipendono?...

    http://www.signoraggio.it/scoperte-polveri-ultrafini-che-compromettono-la-qualita-dellaria-della-pianura-padana/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutti che cadono dal pero. Povera Italia...

      Elimina
    2. E quando parlavo io delle polveri ultrafini, l'ARPAL rispondeva che a loro non risultava...

      Elimina
    3. Eppoi sono gli stessi che ci avevano imposto di rimuovere ogni riferimento alla produzione di nanoparticelle tra i loro alambicchi.

      Elimina
  8. genta pagata per girare attorno ai problemi.
    vergognoso.

    RispondiElimina
  9. Ciao a tutti .. qui a Torino dovrebbe essere un giorno di solenne incazzatura invece tutto tace e fiat se ne va fuori dall'euro ... dove però spartiscono i proventi del signoraggio euro .. troppa gente si rifiuta di capire .... p.s. il treno è ancora li bloccato .... nessuno fa niente come l'alluvione di Modena messa sotto silenzio dai media chissa perché ? Urgono subito assemblee a sovranità popolare per fare noi i politici ... ciao

    RispondiElimina
  10. Quì a Pisa invece, se continua a piovere in questo modo, domani andremo in giro con la barca.
    Le strade sono praticamente distrutte, piene di buche, allagate, senza parapetto. E' ormai un paese allo sbando, tutto va alla malora, e nessuno muove un dito.

    RispondiElimina
  11. Ieri qui in bassa Padania è piovuto moltissimo. Piovosità innaturale, arma climatica in mano agli Illuminati alternativa alla siccità . Non si saprebbe dire quale delle due sia la peggiore. Italia ormai allo sfascio, Nazione alla deriva in mano a banchieri e alti prelati.

    RispondiElimina
  12. Gli Architetti della distruzione sono all'opera e sono molto alacri.

    RispondiElimina
  13. qualcuno finalmente glielo ha detto..

    http://www.youtube.com/watch?v=KWkQGuJivlI

    RispondiElimina
  14. ecco cosa avviene nelle "alte" sfere mentre noi crepiamo..

    https://www.youtube.com/watch?v=S82A8ymosgo#t=23

    RispondiElimina

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione (esclusi gli utenti autorizzati) prima della loro eventuale pubblicazione.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

AddThis