mercoledì 25 febbraio 2015

Onde scalari in Australia



Nel mese di febbraio 2015 sono stati rilevati dai satelliti meteorologici alcuni singolari “cerchi” nell’Australia sud occidentale. Il 15 gennaio 2010 uno di questi “anelli” comparve tra città di Kalgoorlie e di Boulder: aveva un diametro di 400 chilometri e tendeva a spostarsi verso est. Le formazioni attuali, invece, sono immobili. Gli esperti sembrano brancolare nel buio: qualcuno evoca non meglio precisate anomalie atmosferiche, altri echi radar. Lo scienziato Randy Cerveny, in modo alquanto sospetto – excusatio non petita, culpa manifesta – ha dichiarato che gli impianti H.A.A.R.P. non c’entrano.

Qualcuno ha chiamato in causa i portali magnetici che Jack Scudder ritiene di aver scoperto. Jack Scudder, ricercatore dell'Università dell'Iowa, finanziato dalla N.A.S.A., reputa di aver identificato dei portali spaziali nella forma di "giunzioni" tra il campo magnetico della Terra e quello del Sole. Li ha chiamati "punti X" o "regioni a diffusione di elettroni".



"Sono luoghi dove il campo magnetico della Terra si collega a quello del Sole e dove si crea un passaggio senza interruzioni che porta dal nostro pianeta all'atmosfera del Sole, a 150 milioni di chilometri di distanza". Le osservazioni inducono a pensare che questi varchi magnetici si aprano e si chiudano diverse volte al giorno e che si trovino a qualche decina di migliaia di chilometri dalla Terra, dove il campo magnetico incrocia i venti solari.
Secondo l’ipotesi di Scudder, questi portali trasportano particelle energetiche che riscaldano la nostra atmosfera, generano tempeste magnetiche e causano le aurore boreali. La N.A.S.A. sta già pianificando una missione per studiare il fenomeno. I punti X si trovano quindi all'intersezione tra le forze magnetiche della Terra e quelle del Sole. "L'improvvisa unione di campi magnetici può spingere particelle cariche dal punto X e creare una regione di diffusione di elettroni", spiega Scudder.

La supposizione inerente ai portali magnetici è suggestiva, ma non si comprende per quale ragione i “ponti” sarebbero stati rilevati dai radar solo in quest’ultimo lustro. Non sono forse lontani dal vero gli studiosi che correlano le "raggiere" ai soliti interventi militari: non è un caso se, come è stato osservato, l’evento è stato registrato in aree australiane afflitte da una siccità micidiale, un’aridità provocata dalla geoingegneria clandestina. Non solo! Circa settanta ore dopo l'osservazione di tale fenomeno, si è verificato un nubifragio nella regione e ciò conferma quanto asseriscono alcuni ricercatori in merito alla possibile previsione di fenomeni atmosferici violenti in correlazione con le strane aberrazioni rilevate dai radar Doppler nel mondo.

Formazioni circolari sono state riscontrate altrove, anche in Italia: sono considerate effetti di campi elettromagnetici o, meglio, di onde scalari.

Fonti:

- segnidalcielo.it
- tomshw.it


Sponsorizza questo ed altri articoli con un tuo personale contributo. Aiutaci a mantenere aggiornato questo blog.

La guerra climatica in pillole

Le nubi che non ci sono più

Per una maggiore comprensione dei fenomeni legati alla guerra ambientale in corso, abbiamo realizzato l'Atlante dei cieli chimici.

Chi è Wasp? CLICCA QUI

CHEMTRAILS DATA

Range finder: come si sono svolti i fatti

28 commenti:

  1. 2 digressioni OT.

    1. continuo l'intervento di Ron sui rifornimenti aerei angloamericani in Iraq (li lanciano e giustificano il fatto che vadano a finire in mano a ISIS come errori di lancio), rimandando ad un'altra autorevole fonte, sempre abbondantemente approfondita nelle traduzioni e copiosa in foto e filmati.
    https://aurorasito.wordpress.com/2015/02/24/lesercito-iracheno-abbatte-2-aerei-inglesi-che-rifornivano-il-siil/

    2. attacco climatico alleato in sicilia dopo il no del TAR al MUOS? P.S. onore al coraggio dell'associaz. no muos e, stranamente, di legambiente, che hanno ricorso al TAR vincendolo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il M.U.O.S. all'origine dei nubifragi in Sicilia? Domanda retorica.

      Elimina
  2. Risposte
    1. Fantastico!! Digitare su google "aerotossica fosfato tri", ultimo link. C'è anche tankerenemy.com! P.S. sempre più terrorizzato da viaggi in aereo. Capisco assistenti di volo e piloti. Ma che parlino anziché affidarsi solo ad una deputata 5 stelle!!!!!

      Elimina
    2. Comunque l'esponente cinquestelle poteva prepararsi meglio!

      Elimina
    3. Mi ritorna a mente quando quest'estate avevo Grillo accanto in spiaggia, e sua moglie gli faceva notare le scie persistenti in cielo... Lui allargava le braccia come dire "Che ci possiamo fare?"
      In che mani siamo...

      Elimina
  3. Non so se il sito ingannati sia uno di quelli civetta, Ad ogni modo segnalo questo post

    http://www.ingannati.it/2015/02/21/quando-la-ricerca-della-verita-ci-costa-sacrifici-il-caso-marciano/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottimo articolo. A tal proposito evidenzio come il sito "osservatorio repressione" abbia prima pubblicato l'articolo di Corrado e poi lo abbia vergognosamente cancellato.

      Elimina
  4. Droni per far piovere di più. La gaia scienza va avanti ignorando cosa siano le scie chimiche e le operazioni di geoingegneria clandestina per la manipolazione climatica ...

    http://www.naturalnews.com/048765_weather_control_cloud_seeding_drones.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il prossimo anno ancora più droni anche in Italia

      http://www.lantidiplomatico.it/dettnews.php?idx=11&pg=10736

      Elimina
  5. Recentemente il deputato del Movimento Cinque stelle, l’ingegner Mirko Busto, ha provato ad evocare, a nostro parere, il problema della biogeoingegneria illegale, ma con la timidezza e l’ambiguità cui sono preferibili il silenzio. L’onorevole Busto non ha né evitato i soliti proditori attacchi dei negazionisti né ha affrontato la questione in modo corretto ed esaustivo, nascondendosi dietro il dito dell’ingegneria climatica intesa come un insieme di programmi (sic) ancora tutti (o quasi) da definire nei loro risvolti e nello loro conseguenze. [1]

    Non solo, ha avallato la logora fandonia dei cambiamenti climatici provocati dai gas serra, senza inquadrare il tema nell’interazione tra fenomeni naturali e pesanti interventi di modificazione meteorologica e climatica. Molto più rigoroso è, invece, l’approccio del Dottor Paolo De Santis che spiega che cosa si deve intendere per “effetto atmosfera” e come la geoingegneria riconosciuta sia una gigantesca, vergognosa truffa.

    [1] Tra gli “argomenti” addotti dai disinformatori, tra cui Alessandro Martorana, per “smentire” le pur titubanti riflessioni dell’ingegner Busto, spicca l’assunto secondo cui test in loco di manipolazione atmosferica sono impossibili, poiché vietati dalle convenzioni internazionali. E’ palese che Martorana non sa leggere o finge di non saper leggere: infatti è vero che gli accordi internazionali proibiscono interventi sul clima, ma al tempo stesso tali intese contemplano un’infinità di sfacciate deroghe. Sono eccezioni che permettono tutto ed il contrario di tutto.

    RispondiElimina
  6. SCUSATE L'ignoranza ma le antenne muos non sono presenti anche a Wahiawa, Norfolk, Niscemi...e, stranamente, in AUSTRALIA? Gli studiosi studiano che cosa? E' tutto li davanti agli occhi! E poi dalla foto riportata si nota che attorno al campo di radiazione le correnti a getto deviano!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo: sono in ogni dove. Gli "studiosi" nel migliore dei casi sono degli idiot savant.

      Elimina
  7. Alessandro Lanteri alias Harryporker, ex grillino, attualmente coordinatore PD di Sanremo, dopo diverse battutine e sfottò susseguitisi negli anni, ha aderito pubblicamente su fb ad un blog di debunkers motivando così la sua scelta:
    "Ecco, in una bufala ogni tanto ci può cascare chiunque. Ci sono però poi dei "serial pirla" che abboccano a qualsiasi cosa venga postata da uno qualsiasi di questa lista di siti - scientificamente beccati a scrivere "escrementate", il più delle volte per guadagnare in pubblicità & co.
    Con tutte le cose che ci sono da cambiare a 'sto mondo, sprecare tempo ed energia dietro a minchiate è un delitto".
    https://www.facebook.com/alessandro.lanteri.1981

    RispondiElimina
    Risposte
    1. http://www.meetup.com/339bio/members/4130536/

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    3. il fatto stesso che sia passato dal m5s al pd la dice lunga su questa testa di cazzo.

      Elimina
    4. orca miseria. in un attimo costui ha gettato nel cesso centinaia di documenti ufficiali sulla geoingegneria redatti dagli stessi governi, università, ecc.
      che coraggio, che senso del dovere!
      dopo questo richiamo ufficiale, ho uno stimolo corporeo. ma mi astengo.
      ha avuto i suoi 5 minuti di celebrità.
      basta con le escrementate.


      Elimina
  8. Oggi, giornata grigio fluorescente con costante sorvolo a bassa quota, aria irrespirabile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. rumori di aerei a bassa quota anche nelle marche e anche in piena notte.
      continua l'eccezionale ecatombe di malanni alle vie respiratorie, soprattutto nei bambini.

      Elimina
  9. Il Coglione di Harryporker, invece di scrivere belinate su facebook, che osservi il cielo! Visto che l'osservare è l'arte più antica della storia dell'umanità. I Cumulo Nembi sono disfatti dopo essere anneriti con tonnellate di rilasci chimici. Pregasi osservare il cielo! Altrimenti che metta una firma nero su bianco che stiamo dicendo cavolate. Così al momento opportuno quella firma la tireremo fuori e gliela faremo mangiare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chiedi troppo, Prank. La capacità di osservare richiede intelligenza e l'intelligenza difetta in tutta la genia dei negazionisti.

      Elimina
  10. Mais: da Paese autosufficiente oggi l’Italia ne importa oltre il 35%

    http://www.finanzainchiaro.it/mais-da-paese-autosufficiente-oggi-litalia-ne-importa-oltre-il-35.html

    “Viviamo una situazione per certi versi sorprendente – afferma il presidente Pasti – in cui il mais nazionale costa addirittura meno di quello estero. La necessità di collegarsi ai mercati internazionali ha in gran parte smantellato quella rete di protezione che in passato ci aveva favorito, e non dobbiamo dimenticare inoltre che i repentini cambiamenti meteorologici che si sono verificati in questi ultimi anni, con la diffusione di partite di mais contaminato da micotossine, hanno rappresentato un ulteriore elemento destabilizzante”. Marco Aurelio Pasti, presidente dell’Associazione maiscoltori italiani.


    "... repentini cambiamenti meteorologici che si sono verificati in questi ultimi anni, con la diffusione di partite di mais contaminato da micotossine, ... "

    Non serve aggiungere altro. Di Harryporker che scrivono queste cose su Facebook a pagamento o per "hobby" ce ne sono moltissimi. Meglio lasciali perdere e proseguire a divulgare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non vorrei importassimo mais transgenico...

      Elimina

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione (esclusi gli utenti autorizzati) prima della loro eventuale pubblicazione.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

AddThis