sabato 12 maggio 2018

Differenze tra "Cloud seeding imbrifero" e "Cloud seeding igroscopico"



Di recente qualche testata di regime ha pubblicato la notizia inerente alla decisione dei Cinesi di favorire le precipitazioni affidandosi alle “scie chimiche”. Possiamo affermare che su quest'argomento i media mainstream intenzionalmente confondono un po' le acque. Chiariamo la situazione: in concomitanza dell’anniversario con cui si celebra la vittoria russa sulla Germania nazional-socialista, i cieli di Mosca erano infestati di scie. Erano le classiche scie usate per impedire le piogge. E’ vero che esistono tecniche finalizzate a procurare le precipitazioni, ma l'impiego dello ioduro d'argento è ormai raro. In sua vece si adoperano batteri modificati geneticamente, come l'Escherichia coli ed alcuni tipi di Pseudomonas. Il "cloud seeding classico” non ha quindi alcuna attinenza con il "cloud seeding igroscopico", perché non è necessario impiegare squadriglie di aerei per scatenare un temporale e neppure velivoli di grandi dimensioni. E' sufficiente l'impiego di piccoli apparecchi ad elica. Inoltre devono essere inseminati grossi cumulonembi. Di solito l'aereo deve disperdere lo ioduro d’argento o i batteri all'interno del cumulonembo, altrimenti non si consegue lo scopo.



Nel caso dell'inseminazione igroscopica delle nubi basse, invece, il bersaglio è costituito dai cumuli che devono essere dissolti, prima che evolvano in nubi temporalesche, cioè in cumulonembi: la dispersione di composti prosciuganti (tra questi il carbonato di calcio, presente nei combustibili per Jet-A1) deve essere compiuta di preferenza sotto le formazioni nuvolose, al fine di sfruttare le correnti ascensionali.

Sembra una discrepanza di poco conto, ma è qui il punto: i gazzettieri semmai accennano in modo farraginoso alle tecniche igroscopiche. Ricordiamo l'episodio del TG1 di qualche anno fa: ci si riferì alle solite parate moscovite e si accennò in modo del tutto sconclusionato ad azioni dissecanti, menzionando, però, volutamente ed in modo erroneo, lo ioduro d'argento che, come abbiamo visto, serve a far piovere e non ad impedire che piova! Così non si capisce mai uno iota e la gente continua a dormire.



Precisiamo che i metodi utili a produrre acquazzoni, senza l'ausilio di aerei furono affinati da uno scienziato francese, tale professor Dessens, sul finire degli anni ‘50 del XX secolo. Le ricerche di Dessens sfociarono nel Meteotron" che prevedeva l'uso di grandi fornaci disposte a cerchio su una vasta area. Le fornaci riscaldavano l'aria che salendo, a contatto con aria più fredda, determinava la formazione di nubi, quindi di precipitazioni. Non servivano composti tossici come lo ioduro d'argento o agenti biologici impiegati come nuclei di condensazione. Il ricercatore d’oltralpe escogitò il macchinario, studiando le invenzioni dei Sovietici che erano ricorsi ad un reattore per aviogetti militari riadattato. Tale apparato sfruttava lo stesso principio spiegato sopra. Il dispositivo fu venduto agli Stati Uniti d’America (sì, durante la Guerra fredda Sovietici e Statunitensi collaborarono spesso, come oggi di là dall’apparente rivalità). Gli Statunitensi lo portarono ai massimi livelli di efficienza, impiegando il propulsore principale dello Shuttle che, in pochi minuti, è in grado di generare rovesci di notevole portata. [1]


In Australia usano ionizzare l'atmosfera. Parimenti anche noi di Tanker enemy stiamo sperimentando questo approccio e – bisogna riconoscerlo - con un certo successo. Infatti diversi "Rainmakers" sono ormai distribuiti sul territorio nazionale per contrastare la desertificazione perpetrata con la geoingegneria clandestina. E' un dato di fatto che i regimi pluviometrici sono migliorati in alcune regioni, proprio da quando si è cominciato ad installare congegni ad hoc.

Ricapitoliamo.

Operazioni imbrifere: in genere causano le piogge. Si avvalgono di batteri o talora dello ioduro d’argento.

Operazioni igroscopiche (anche senza produzione di scie visibili): distruggono le nubi, portando all’aridità e ad un crollo dei valori di umidità atmosferica. Sono costituite da una serie di composti disseccanti, spesso assai tossici per gli ecosistemi.


[1] La disastrosa RAI, sotto l'egida del tandem Boldrini-Fedeli, inasprisce la sua crociata contro l'informazione indipendente. In un recente servizio con infinita improntitudine osa bollare come "fake news" (notizia priva di fondamento) e "disinformazione" un fatto incontestabile, ossia l'esistenza della macchina della pioggia, impiegata dalla N.A.S.A., ma basata su un brevetto sovietico. Anche fonti ufficiali lo dimostrano! Il video testimonia che la RAI ed il negazionismo partoriscono fandonie senza sosta: la verità è SEMPRE il contrario di quanto i media di regime affermano. Se conosci il negazionismo, lo eviti...

ORIGINE del progetto Taurus Molecolar Cloud

Negli anni sessanta dello scorso Secolo, sulla rivista scientifica "Popular science" fu pubblicato un ampio resoconto sul "Meteotron", la macchina della pioggia. Qui il documento.

La rivista "Popular Science" riporta gli studi del professor Henri Dessens, sul n° 181 del febbraio 1964. Il titolo è "Meteotron: scatenare un temporale" e vi leggiamo:

-Il problema con l’inseminazione delle nubi con prodotti chimici è che bisogna avere le nuvole. Henri Dessens, meteorologo francese, riesce ad averne di nuove creandole con il calore. Usando un quadrato di 122 metri per 122 metri di bruciatori di petrolio che egli chiama «meteotron», mette in moto una rombante fornace che spinge una colonna d’aria calda nell’atmosfera dove si raffredda, condensa ed in quindici minuti diventa così pesante di gocce d’acqua da scatenare una pioggia di diverse ore. Il "meteotron", afferma Dessens, può anche scatenare venti, disperdere la nebbia, prevenire le gelate notturne ed occasionalmente, in modo fino ad ora imprevedibile, creare un tornado. L’intento principale adesso, è quello di usare il potere scatenato del "meteotron" per controllare la pioggia e la grandine, ripulire l’aria dall’inquinamento, dissipare le fuoriuscite radioattive ed aiutare la ricerca meteorologica-.

Il modello del Meteotron, originariamente costituito da 4 turboreattori "rd-zm" fu congegnato da un gruppo di tecnici del laboratorio di Riga, guidato dall'ingegner Pojarnov, basandosi sulle indicazioni tecniche dell'Istituto di geofisica applicata. L'apparecchiatura fu sperimentata a Riga, tra il 1965 ed il 1966. Da qui l'idea del Taurus Molecular Cloud - TMC-65. Il "TMC-65" o "Meteotron" o come diavolo intendiamo chiamarlo, è dunque inconfutabile realtà. Qui il documento russo che descrive il generatore di piogge ricavato da una serie di reattori.

Anche il Pentagono si mostra subito molto interessato al «meteotron» e, nonostante il professor Dessens auspichi un impiego civile e benevolo della sua invenzione, così non è stato, evidentemente. Lo abbiamo potuto verificare in questo ultimo ventennio di guerra climatica.

N.A.S.A. makes tornadoes in Mississipi: VIDEO.

Per approfondire la questione, leggi l'articolo pubblicato da Tanker enemy nel 2014 dal titolo: "Meteotron", il macchinario dei nubifragi artificiali - All'origine delle celle autorigeneranti gli studi del professor Henri Dessens - LINK

Presentato il "Decalogo" della Boldrini contro le "fake news": prepariamoci a difendere la libertà d'espressione su internet: LINK.

Vietata la riproduzione - Tutti i diritti riservati.

Lo Stato intende definitivamente mettere il bavaglio ai fratelli Marcianò, attraverso l'impiego illegittimo di volgari azioni di "Giustizia", laddove le "parti offese" sono i negazionisti affiliati al C.I.C.A.P. Questo vile attacco ha portato alla prima incredibile condanna nel mese di dicembre 2017, alla quale è seguita una seconda, nell'aprile 2018 e ne seguiranno altre! In tutti i casi quali le "parti lese" sono famigerati disinformatori, impegnati in opera di discredito a nostro danno ma paradossalmente attori di processi penali contro di noi. Tutto ciò implica spese enormi per difendersi e da soli non ce la possiamo fare. Abbiamo bisogno del Tuo sostegno, anche piccolo. E' una battaglia per la libertà. Aiutaci. Grazie!

La guerra climatica in pillole

Le nubi che non ci sono più

Per una maggiore comprensione dei fenomeni legati alla guerra ambientale in corso, abbiamo realizzato l'Atlante dei cieli chimici.

Chi è Wasp? CLICCA QUI

CHEMTRAILS DATA

Range finder: come si sono svolti i fatti

23 commenti:

  1. Seguiteci su Telegram: https://t.me/tankerenemy

    RispondiElimina
  2. A proposito di pioggia, servirebbe un acquazzone per pulire la sporca coscienza della Bencivelli.

    RispondiElimina
  3. Ovviamente, Strakky, avrai tutte le prove ed i documenti che dimostrano che Daniele Matteo Cereda è un "falso invalido", giusto?

    #strakerpuppa
    #zretripuppa
    #nomamminanopensioncina
    #processi
    #giustizia
    #condanne

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Minchia se hai ragione, ciccio: uno sano di mente non può frequentarti di certo!

      Elimina
    2. @Task Force Butler,
      Anziché rompere le palle a Marcianò (persona che reputo gentile, squisita e professionale), potresti alzare quel tuo culo pesante e fare un po' di ginnastica. Sai, secondo alcuni scienziati, l'obesità accorcia la vita... ;-)

      Elimina
    3. Vite al Limite...a nuje ce piace e magna'

      Elimina
    4. Ma quante ne vuole sapere il burro (pericoloso per le arterie )

      Elimina
  4. Ma i debunkers usano "spazzatrici" ?

    http://www.baritoday.it/cronaca/incidente-base-aeronautica-gioia-del-colle-morto-maresciallo-antonio-carbone.html

    RispondiElimina

  5. distance mba in india

    Rather than breaking the balls Marcianò (a man that I believe is caring, dazzling and proficient), you could raise your overwhelming ass and do some vaulting. You know, as per a few researchers, weight abbreviates life ... ;- )

    RispondiElimina
  6. Ottimo articolo, Rosario!!! Purtroppo bisogna sempre spiegare, viste le menzogne continue dei media mainstream.

    Mike

    RispondiElimina
  7. Dal sito del Ciccap :Silvia Bencivelli, Giornalista scientifica che ha di recente vinto una causa in tribunale contro chi per anni l'ha insultata e minacciata per avere smantellato la bufala delle "scie chimiche", è intervenuta al CICAP-FEST2017

    ...ha smantellato !!!???....

    MA COME SI PERMETTONO QUESTI scienziati italiani !!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La... "signora" dimentica che esistono tre gradi di giudizio e non sempre puoi beccare il Giudice venduto che ti da ragione falsificando le carte.

      Elimina
  8. Solo a sentirla argomentare con la sua voce tremolante e insicura,mi fa venire l'ansia..proprio inadeguata e "protetta"...dovra'sbiancare ancora di piu' dopo che sara'scoperto il falso creato per romperti le palle da anni...fino al sud i cicappini vip non arrivano a fare conferenze...pochi soldi ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hanno il vantaggio di essere coperti dai magistrati. Non verranno mai perseguiti.

      Elimina
  9. Il "Rainmaker" o "ionizzatore modulare" sta fornendo ottimi risultati. Infatti dal mese di novembre si può considerare scongiurata la siccità temuta per la Liguria di Ponente ed il basso Piemonte. Ove l'apparecchiatura è operativa, le precipitazioni aumentano di circa il 30% e, in alcuni casi, si verificano piogge senza che queste fossero previste dai servizi meteo. Un successo insperato, che ci incoraggia a proseguire su questa strada. Il prossimo passo vede la realizzazione di un "mega Rainmaker" da 120 elementi ionizzanti. Grazie a tutti coloro che ci hanno dato fiducia, partecipando costruttivamente al "progetto pioggia"!

    http://www.tankerenemy.it/2017/10/the-rainmaker-ionizzatore-modulare.html

    RispondiElimina
  10. In questi giorni di scarse o inefficaci irrorazioni è stupendo rivedere le nuvole. E la pioggia. E le previsioni impazzire

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un vero spasso vederli sciare e sciare e poi vedere le nuvole riformarsi.

      Elimina
  11. La minaccia di una pandemia globale: in sei mesi morirebbero 33 milioni di persone

    Torna l'Ebola in Congo. E Bill Gates rilancia l'allarme della diffusione nell'aria di un agente patogeno altamente contagioso: "Farà morti in tutto il mondo"

    RispondiElimina
  12. Ho trovato questo video del 1970, macchina che produce antimateria, ha la genuinità di quegli anni, può essere una tecnologia rubata inseguito per geo ingegneria?

    https://youtu.be/P7HjOVTIFas

    RispondiElimina

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...