venerdì 7 aprile 2017

La strana storia di Mark Purdey e la mucca pazza



Sino dal 1988, Mark Purdey, un allevatore del Somerset, sostenne l'ipotesi che gli scienziati non hanno studiato a fondo le cause della BSE. Autodidatta e senza finanziatori, indagò sui complessi meccanismi biochimici del cervello, arrivando a pubblicare un rivoluzionario e documentato studio su un'autorevole rivista medica, ottenendone, però, soltanto attacchi, verbali e fisici [1].

Lo studio di Purdey inizia con l'esame delle funzioni dei prioni, le proteine cerebrali la cui alterazione sembra essere responsabile della BSE. I prioni hanno il compito di proteggere il cervello dalle proprietà ossidanti di alcune sostanze chimiche attivate da agenti esterni come i raggi ultravioletti. La sua ipotesi è che quando i prioni sono esposti ad una carenza di rame ed un eccesso di manganese, il manganese prende il posto del rame cui normalmente il prione si lega. In tal modo, la proteina perde la propria funzione. La prima insorgenza della BSE in Gran Bretagna, ricorda Purdey, si ebbe negli anni '80, quando il Ministero dell'Agricoltura impose a tutti gli allevatori il trattamento degli animali con un pesticida a base di organofosfati chiamato Phosmet, impiegato a dosi molto più alte che nel resto del mondo. Il pesticida veniva versato lungo la colonna vertebrale degli animali.

La ricerca di Purdey mostra che il Phosmet cattura il rame. In quegli stessi anni il mangime degli animali veniva arricchito con sterco di polli proveniente da allevamenti dove gli animali erano nutriti con manganese per aumentare la quantità di uova prodotte. I prioni contenuti nel cervello dei bovini, in tal modo, venivano contemporaneamente privati di rame ed intossicati dal manganese. In Francia, l'impiego del Phosmet divenne obbligatorio inizialmente in Bretagna. 20 dei 28 casi di BSE vennero alla luce proprio in quella regione. Sempre secondo le ricerche di Purdey, la diffusione della malattia coincide con quella del pesticida. Un analogo tipo di avvelenamento potrebbe spiegare la distribuzione della versione umana della malattia.

Dei due principali ceppi di vCJD in Gran Bretagna, uno, nel Kent si trova nel pieno di un'area con coltivazioni nelle quali vengono usate ingenti quantità di fungicidi a base di organofosfati e manganese. L'altro ceppo è a Queniborough, nel Leicestershire, dove una fabbrica di vernici (distrutta da un incendio alcuni anni fa, con grave inquinamento chimico sul paese) ha per anni riversato parte degli scarti di lavorazione nel sistema di canalizzazioni usate per irrigare i campi. Nella produzione di vernici e come additivo per i carburanti avio viene usato proprio il manganese.



Purdey, però, non si limitò a queste indagini, verificando sul campo la propria teoria sui ceppi di BSE e CJD in Islanda, Colorado, Slovacchia e Sardegna. Ogni volta in cui si imbatteva in ceppi di queste malattie, egli rilevava carenze negli animali e negli esseri umani di rame ed un eccesso di manganese.

La maggioranza dei focolai, inoltre, si trova in aree montane, nelle quali i livelli di luce ultravioletta sono alti, ma la prova più concreta a sostegno della sua ipotesi viene da uno studio pubblicato da un'équipe di biochimici dell'università di Cambridge. Questi hanno appurato che, quando il rame è sostituito dal manganese nei prioni, essi adottano precisamente i comportamenti che identificano l'agente infettivo della BSE.

[1] La strana morte di Mark Purdey - L'abitazione del medico veterinario Mark Purdey fu incendiata. Un giorno trovò la sua linea telefonica isolata. Un'altra volta vide degli estranei che si aggiravano, con fare sospetto, nei paraggi della sua fattoria. Questi estranei pedinarono a lungo sia lui sia la moglie. L'avvocato di Purdey morì in un incidente stradale, avendo perso il controllo dell'auto su cui viaggiava. E' stato riferito che un giorno l'autoveicolo, con alla guida Purdey, incrociò un autocarro dotato di strane apparecchiature. La morte di Purdey è avvolta nel mistero: il tumore cerebrale che lo colpì fu causato da campi elettromagnetici mirati e potenti?


Vietata la riproduzione - Tutti i diritti riservati.

Sponsorizza questo ed altri articoli con un tuo personale contributo. Aiutaci a mantenere aggiornato questo blog.

La guerra climatica in pillole

Le nubi che non ci sono più

Per una maggiore comprensione dei fenomeni legati alla guerra ambientale in corso, abbiamo realizzato l'Atlante dei cieli chimici.

Chi è Wasp? CLICCA QUI

CHEMTRAILS DATA

Range finder: come si sono svolti i fatti

18 commenti:

  1. è la legge della chelazione.
    P.S.
    oggi delirio chimico. siamo in guerra. e non deve piovere.
    P.P.S. a quando il nobel per la pace anche a Trump che ha appena attaccato la Siria?

    RispondiElimina
  2. Certo che a sto poveretto non sapevano più in che modo farlo fuori...! -_-

    Intanto altro set in Svezia... di nuovo un camion assassino... la notizia ovviamente sbatte in seconda linea quella dei missili in Siria di Trump (ma come fa questo sgarro all'amico Putin? bah)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ops!

      http://www.repubblica.it/esteri/2017/02/19/news/trump_falso_attentato_svezia-158709044/

      Elimina
    2. tecnicamente si chiama "spoiler" quando qualcuno sa la trama a puntate di qualche programma e te lo anticipa facendoti perdere tutta la sorpresa.

      solo che noi comuni mortali al massimo sappiamo in anticipo la trama di qualche telefilm e lui quella del mondo...

      ... ovviamente complimenti a lui che si è immedesimato cosi tanto negli attenta-tori isissssh da prevederne le messe settimane prima

      Elimina
    3. La sfortuna colpisce più spesso i migliori che i peggiori pero'... da cui il proverbio: se ne vanno sempre i migliori (inizio a credere che sia colpa dei peggiori... per dolo o cabala, la statistica non cambia mai sic).

      Elimina
  3. Certo Rosario,tra le righe del video,che le scie chimiche sono un po sulla bocca di tutti. Non ero aggiornato sulle "apparizioni orali" di giornalisti e politici e alti ranghi !

    Hai CREATO un fantastico caos,da cui nasce la presa di coscienza (per chi ce l'ha,o la deve vedere ancora)...se non fosse stato per voi fratelli,qui in Italia !

    CHE COJONI CHE AVETE !!
    A COMBATTERE DAVVERO CONTRO "THE SYSTEM" !!

    RispondiElimina
  4. Qui tutt'oggi cielo blu cobalto dopo una operazione iniziata ieri con un tanker rumorosissimo sciante che.....

    ...faro' attenzione la prossima volta per capire come funziona l'"incobaltamento del cielo".

    Oggi cumuli cassinati come su una lavagna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. blu cobalto è quando non ci sono le irrorazioni

      Elimina
  5. Visto che siamo in " primavera chimica", un consiglio veloce semplice per una chelatura, diciamo semplice,protettiva ? non so assumere miele ? quello buono ?...devo ricominciare a difendermi,ho tralasciato alcune cose !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io uso Alga Clorella ed Enterosgel.
      Ho anche scorte di zeolite ma ultimamente ho smesso di usarne, per un solo motivo: è diventata troppo famosa!

      Elimina
  6. Ot musica
    https://www.youtube.com/watch?v=04UhXmN31xk


    sono d'accordo,tranne su alcuni che toglierei,per metterci gli avvelenatori ( video divertente )

    RispondiElimina
  7. Lunedì 10 aprile ore 9.00 su Mondoradio Controcorrente Mondoradio 103.3 ed in streaming su www.mondoradio.fm parleremo di uno dei più grandi crimini contro l'umanità, LE SCIE CHIMICHE con il ricercatore Rosario Marcianò.
    se credete che siano solo condensa e che i pazzi siamo noi e se volete essere il contraddittorio su questo argomento potete intervenire di persona, per messaggio o in voce in diretta telefonica chiamando da whatsapp il numero 350.058.103.3
    noi siamo pronti e voi?
    #civoglionoschiavi #ciavrannoribelli

    https://www.facebook.com/francescaromanaveg/posts/10211021533407752

    RispondiElimina
  8. Tanker enemy organizza il primo prelievo in quota tramite drone semi-professionale, controllato da pilota abilitato. Il prelievo si avvale del "DJI Drone Phantom 4", fornito di videocamera in alta risoluzione (12 MP/4K) e sistema di controllo GPS. A bordo del velivolo radiocomandato è montato un kit (realizzato ad-hoc) che aspira l'aria in quota e la deposita su filtro 3M. Il filtro raccoglierà frammenti di pulviscolo in varie aree non antropizzate, ma note come corridoi di discesa impiegati dai velivoli civili in avvicinamento ad uno scalo aeroportuale. I campioni saranno analizzati ed i risultati saranno pubblicati su Tankerenemy.com. Lo scopo ultimo è quello di sensibilizzare la popolazione (e gli organi preposti alla salvaguardia dell'ambiente e della salute umana) in merito alla presenza di polveri in nanoparticolato di ricaduta, potenzialmente letali e di accertata provenienza aeronautica. Allo scopo di poter mettere in atto al più presto possibile il nostro prelievo, abbiamo bisogno di un contributo da parte di tutti voi che, anche con pochi euro, puntate ad iniziative forti per contrastare la guerra climatica in atto e per dimostrare la neurotossicità dei carburanti avio. Il Jet-A1, è, infatti, come dimostrato dai recenti studi della dottoressa Lohmann, la principale causa della ricaduta di elementi chimici neurotossici come l'alluminio, il bario, il manganese. Ok... diamoci da fare! Il link per finanziare la campagna è questo: https://www.paypal.me/jetfuelcampaign

    Link all'articolo: http://www.tankerenemy.it/2017/01/primo-prelievo-in-quota-tramite-drone.html

    Link al video: https://youtu.be/yLyd-gJKMdU

    RispondiElimina
  9. Per quanto riguarda le dichiarazioni di Trump su 11\9\2001, attentato in Svezia, intercettazioni "accidentali" delle sue conversazioni col permesso di Obama, che sono tutte cose provate, ovviamente non e' per via del fatto che Trump sia un genio. Più semplicemente riporta, talvolta in modo maldestro, i fatti certi che gli vengono comunicati dai direttori dei vari Servizi, come ad esempio l'FBI.

    RispondiElimina

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...