venerdì 24 agosto 2018

Un evento emblematico dell'estate 2018: una serie di apocalittici incendi divora la California



La California, che subisce un'epocale siccità di natura artificiale (leggi scie chimiche igroscopiche), è solo un esempio di una situazione meteorologica paradossale, perché, mentre l'attività solare è sempre più debole, i valori termici crescono in modo esponenziale: l'incremento delle temperature in molte regioni della Terra, è dovuto SOLO alle operazioni chimiche ed elettromagnetiche che prosciugano l'aria. Queste attività inoltre creano delle coltri artificiali (le "innocue velature") con cui il calore resta intrappolato negli strati bassi dell'atmosfera. E' ovvio che la catastrofe californiana, uno fra gli innumerevoli esempi di calamità governative, è legata all'Agenda 21... Pubblichiamo un articolo la cui cronaca si riferisce al mese di luglio 2018.

California, devastante incendio: 5 morti e 37mila sgomberati

La California è circondata dalle fiamme, al punto che il presidente Donald Trump ha dichiarato lo stato di emergenza. Gli incendi stanno, infatti, devastando il nord dello stato, dove 37mila persone sono state evacuate. Nella contea di Shasta due persone sono morte, di cui un pompiere, mentre decine di persone sono rimaste ferite. Tra le vittime si annoverano anche due bambini di 4 e 5 anni, deceduti insieme con la loro nonna di 70. [...]

I roghi hanno incenerito 65 edifici, ma almeno altre 500 strutture sono minacciate dal fuoco. Mentre anche la Grecia combatteva con le fiamme, il violento incendio sulla costa occidentale statunitense, ribattezzato "Carr fire", è scoppiato lunedì in seguito ad un guasto meccanico ad un veicolo nella Whiskeytown National Recreation Area. Poi, per le elevate temperature, in alcune zone fino a 45 gradi, le fiamme si sono estese velocemente, arrivando a coprire un'area di oltre 27 chilometri quadrati mercoledì sera, poi hanno continuato ad espandersi fino a 178 chilometri quadrati. Per cercare di domare gli incendi sono stati dispiegati 1.750 pompieri e 10 elicotteri, ma gli sforzi per ora non hanno conseguito risultati apprezzabili. Le autorità mettono in guardia: l'incendio "è molto pericoloso ed avanza distruggendo tutto quello che trova sulla sua strada". Oltre al Carr fire nel nord, la California brucia anche nella parte centrale, dove le fiamme hanno costretto alla chiusura dello Yosemite National Park.

Quotidiano.net

Vietata la riproduzione - Tutti i diritti riservati.

Sponsorizza questo ed altri articoli con un tuo personale contributo. Aiutaci a mantenere aggiornato questo blog.

La guerra climatica in pillole

Le nubi che non ci sono più

Per una maggiore comprensione dei fenomeni legati alla guerra ambientale in corso, abbiamo realizzato l'Atlante dei cieli chimici.

Chi è Wasp? CLICCA QUI

CHEMTRAILS DATA

Range finder: come si sono svolti i fatti

23 commenti:

  1. Qui nel centro Italia abbiamo avuto questo copione giornaliero: scie chimiche fin dall'alba, cappa biancastra e caldo artificiale, addensamenti pomeridiani con precipitazioni violentissime e di breve durata. Credo che vogliano colpire in particolare i luoghi del pianeta potenzialmente più evoluti. Nel caso della California inoltre si ottiene una reazione a catena verso est per tutto il resto dell'unione. Divertente infine notare come le previsioni meteo non riescano ad essere attendibili a 24 ore di distanza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ghigo. E' tutto pianificato a puntino, comprese le previsioni fasulle.

      Elimina
    2. Rosario potrei esser tratto in inganno ma questi hanno pigiato il piede sull'acceleratore o sbaglio?

      Elimina
  2. Crollato come farina,ci stavano lavorando nei giorni scorsi,fortissimo boato terreno(non da fulmini) dicono in altre interviste...mi ricorda la ricercatrice Wood su armi ad energia diretta sul WTC...un lampo che si vede di riflesso sopra il ponte nel secondo video "ufficiale" ,che altro dire...il puzzle è quasi completo e qui chiudo su Genova.

    RispondiElimina
  3. Risposte
    1. https://www.youtube.com/watch?v=U3iq8WWKk2Q

      gli ultimi secondi del video

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  4. OT - domanda x Rosario

    ho ricevuto un volantino con cui mi comunicano che vogliono cambiare il contatore del gas di casa con uno elettronico, non c'è scritto che è obbligatorio, posso rifiutarmi? Hai informazioni a riguardo di questi apparecchi? è una sostituzione che posso lasciar fare serenamente?



    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, per legge non ci si può rifiutare, ma si può essere "non reperibili" il giorno fissato per la sostituzione. Per cui non dar seguito alla segnalazione e non farti trovare in casa. Oppure non dar segni di vita. ;-)

      Elimina
    2. Per quello che vale....
      https://www.google.com/amp/www.repubblica.it/economia/diritti-e-consumi/energia/2017/11/15/news/nuovi_contatori_del_gas_siamo_obbligati_a_sostituirli_-180976074/amp/

      Elimina
    3. Grazie della segnalazione, Wlady. Obbligatorio o no, ricordiamoci che la Costituzione sancisce il diritto alla salute e questi nuovi contatori non sono un toccasana con i loro campi elettromagnetici. Ergo...

      Elimina
    4. Certamente, ma sembra da quello che vediamo, la Costituzione fa comodo solo a loro ad uso e consumo e non ultimo l'interpretazione di certi personaggi che dovrebbero essere sopra le parti.

      Elimina
    5. ma poi come sono alimentati i nuovi contatori? a pile? e chi le cambia? e ogni quanto? e a quale costo? e a carico di chi?

      Elimina
  5. http://www.palermotoday.it/cronaca/malore-pilota-volo-ryanair-londra-23-agosto-2018.html

    RispondiElimina
  6. Genova 14 08 2018 mese e giorno 13 ( 1+4+8 ) anno sempre 11 ( 2+1+8 )..diciamo cosi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora potrebbe succedere qualcosa il 2/9/2018...

      Elimina
  7. Sei anni fa diffondevo sulle scie tossiche a mia nipote e suo ragazzo..dicendomi che non credevano a sta storia. Poi sono tornati (emigrando) dopo cinque anni dall'Australia,dicendomi che in Australia neanche l'ombra di scie di condensa..si e no ne avra' scorte tre o quattro in cinque anni di permanenza. Ma è netta la fotografia che ha dei cieli italiani rispetto a quelli australiani.

    Ah...lei lavora in un ristorante,ma non usano il cartellino per entrare al lavoro,ma le impronte digitali. Pare che anche google sta gia rompendo i coglioni per impronte digitali e screening oculare per accedere ai servizi...del cazzo !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mr. Jones, hai dei parenti che son riusciti a emigrare in Australia? Sò che ci sono restrizioni pazzesche per gli stranieri voglono entrare in quel paese

      Elimina
    2. Ciao Gighen...si abbastanza..si deve anche sborsare molto allo Stato australiano,per visti..permessi etc...adesso tornano ma a quanto pare non è finita con gli obblighi.
      Come dice Salvini che in Australia se vuoi permanere devi fare(essere) utile alla terra australiana..poi non ho approfondito esattamente come si procede dalla a alla zeta per ottenere la cittadinanza o "permanenza" definitiva. Ovviamente non devi restare senza far niente se vuoi rimanere,come minimo devi cercare un lavoro...che come spesso accade si parte dai ristoranti

      Elimina
  8. Ci prendono per i fondelli alla grande, il ponte di Genova sarebbe crollato per una bolla d'aria: http://www.ansa.it/liguria/notizie/2018/08/29/consulenti-pm-bolla-aria-nel-tirante_ad99f6fb-6853-4587-aee9-639c81a10d6a.html
    Senza parole.

    RispondiElimina

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...