mercoledì 20 giugno 2018

Nelle motivazioni alla sentenza 522/18 abbiamo la conferma che le "prove" sono state manipolate



Il 18 aprile 2018 Rosario Marcianò è stato condannato ad otto mesi di reclusione senza la condizionale, sulla base di un falso. Un montaggio audio-video portato come prova a carico dell'imputato. Il 19 giugno abbiamo ritirato le motivazioni, che vi leggiamo a video e sulle quali abbiamo molto da dire. Il ricorso in appello comunque è già stato redatto e consegnato presso la Procura di Imperia, che poi lo trasmetterà alla Corte d'Appello di Genova. Per intanto ecco parte del materiale che inchioda la "giornalista" Silvia Bencivelli ed i suoi legali alle loro responsabilità. Oltre che il Giudice Massimiliano Botti ed il Pubblico Ministero Alessandro Bogliolo, che hanno preso per oro colato le dichiarazioni della "parte lesa".

La pronuncia di condanna, più che essere il coronamento di uno spassionato, oggettivo ed approfondito accertamento dei “fatti”, risulta una decisione ideologica, animata da un fumus persecutionis della Dottoressa Silvia Bencivelli, interprete di quella sovrastruttura di pensiero pseudo-scientifica, riconducibile al Gotha del C.I.C.A.P. Sebbene il Giudice non compia una ricognizione della controversia scie tossiche versus “scie di condensazione”, si nota che tende ipso facto a recepire in modo acritico le petizioni di principio provenienti dall’accademia sedicente “scientifica” che, essendo incapace di compiere indagini empiriche e studi metodici, può ricorrere solo ad un vieto ipse dixit per nascondere la sua Ideenkleid condizionata da pre-giudizi ed intolleranza per chi pensa in modo differente dalla massa o per chi semplicemente pensa.



Lo Stato intende definitivamente mettere il bavaglio ai fratelli Marcianò, attraverso l'impiego illegittimo di volgari azioni di "Giustizia", laddove le "parti offese" sono i negazionisti affiliati al C.I.C.A.P. Questo vile attacco ha portato alla prima incredibile condanna nel mese di dicembre 2017, alla quale è seguita una seconda, nell'aprile 2018 e ne seguiranno altre! In tutti i casi quali le "parti lese" sono famigerati disinformatori, impegnati in opera di discredito a nostro danno ma paradossalmente attori di processi penali contro di noi. Tutto ciò implica spese enormi per difendersi e da soli non ce la possiamo fare. Abbiamo bisogno del Tuo sostegno, anche piccolo. E' una battaglia per la libertà. Aiutaci. Grazie!



::: FAI UNA DONAZIONE ::: DA GIUGNO 2006 AUTONOMIA ED INDIPENDENZA. IL TUO SOSTEGNO E' DECISIVO :::
https://paypal.me/pools/c/835IiPnQDQ


Vietata la riproduzione - Tutti i diritti riservati.

Sponsorizza questo ed altri articoli con un tuo personale contributo. Aiutaci a mantenere aggiornato questo blog.

La guerra climatica in pillole

Le nubi che non ci sono più

Per una maggiore comprensione dei fenomeni legati alla guerra ambientale in corso, abbiamo realizzato l'Atlante dei cieli chimici.

Chi è Wasp? CLICCA QUI

CHEMTRAILS DATA

Range finder: come si sono svolti i fatti

43 commenti:

  1. Ieri notte ho ascoltato tramite video le motivazioni della sentenza e stamani ancora mi ribolle il sangue dalla rabbia dovuta all'immensa ingiustizia che alberga in questo dannato paese.
    Una sentenza del genere - colma di fantasticherie e mere bugie - è stata iscritta a tavolino per eliminare un coraggioso dissidente.

    Sarà felice lo psicopatico di Pescara - l'obeso sionista Federico De Massis - che con questa sentenza avrà in qualche modo soddisfatto i perversi bisogni della sua psiche malata. Sarà contenta Silvia Bencivelli, più bella che intelligente; una "giornalista" integralmente priva di spirito critico.

    RispondiElimina
  2. • La pronuncia di condanna, più che essere il coronamento di uno spassionato, oggettivo ed approfondito accertamento dei “fatti”, risulta una decisione ideologica, animata da un fumus persecutionis della Dottoressa Silvia Bencivelli, interprete di quella sovrastruttura di pensiero pseudo-scientifica, riconducibile al Gotha del C.I.C.A.P. Sebbene l’illustrissimo Giudice non compia una ricognizione della controversia scie tossiche versus “scie di condensazione”, si nota che tende ipso facto a recepire in modo acritico le petizioni di principio provenienti dall’accademia sedicente “scientifica” che, essendo incapace di compiere indagini empiriche e studi metodici, può ricorrere solo ad un vieto ipse dixit per nascondere la sua Ideenkleid condizionata da pre-giudizi ed intolleranza per chi pensa in modo differente dalla massa o per chi semplicemente pensa.

    Ciao

    RispondiElimina
  3. La Bencivelli si è letteralmente costruita una seconda carriera sulla diffamazione verso la controinformazione.

    L'obiettivo del Grande Fratello è la definitiva eliminazione della libertà di espressione. Stanno edificando uno stato autoritario e liberticida come la Cina. Oramai è noto che il governo di Pechino utilizza la magistratura per liquidare tutti quei bloggers che osano discostarsi dal comune pensiero orwelliano che vige nel paese.

    La sovrastruttura culturale che dirige l'Italia è illiberale, questo è un dato di fatto.

    La magistratura italiana è drammaticamente avvezza alla persecuzione giudiziaria nei confronti di individui totalmente innocenti. Il caso più eclatante è quello di Enzo Tortora. Quindi, in questo senso, esistono dei chiari precedenti storici.

    Al contrario, un individuo socialmente pericoloso quale è lo stalker Federico De Massis (il cui fratello - lo ricordiamo - è un avvocato) è libero di insultare e molestare quotidianamente i fratelli Marcianò, "colpevoli" di avere fatto luce su un problema gravissimo quali sono le scie chimiche.

    Viviamo in piena dittatura. E al peggio non c'è mai fine, giacché ci tocca anche sopportare i piagnistei virtuali del depistatore Angelo Terra...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui siamo peggio che in Cina e non so dove andremo a finire, di questo passo.

      Elimina
  4. Spero che gli hanno fatto questo a sua insaputa, ma se ne è al corrente e quindi complice, spero che sia a sua volta il suo turno a passare notti insonni come il mio amico Rosario non dico per vendetta ma per giustizia,manipolare materiale mediatico per ottenere delle prove a proprio favoreggiamento, è la cosa più meschina che si possa fare ma ci rendiamo conto, cercare di voler incastrare una persona tramite manipolazione di materiale a convinzione, ma dove siamo? Al water gate, alla cia? Allora questa signora che evito di chiamarla con appellativi volgarissimi, per rispetto del genere femminile a cui lei non merita di appartenere, spero che paghi carissimo il suo gesto e ne uscirebbe dignitosamente se arrestasse tutta la procedura e che assuma una volta per tutte la sua mediocrità di persona e si ritiri ad altra professione, ma roba da matti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Bencivelli è chiaramente una megalomane.

      Elimina
    2. Al C.I.C.A.P. sono avvezzi alla diffamazione impunibile.

      Elimina
  5. Qui a partire dal minuto 14:40 parlano di noi.

    RispondiElimina
  6. A quel :"..no..perchè siete sani di mente.." dice la integerrima,se fossi stato li l'avrei interrotta,per una eventuale denuncia pubblica...ma come si permette sta sana di niente...come si vede il pubblico subisce e non reagisce a questa offesa anzi si rallegrano...madonna come mi divertirei ad una sua Gonferenza !

    RispondiElimina
  7. Un amico fa vacanza nel novarese ogni anno,e mi dice che da quelle parti di certo,usano cannoni per provocare la pioggia entro un certo numero di metri o kilometri2,mi fara sapere...lui li sente e sa che sono i cannoni...non so che genere di cannoni...possibile ?

    RispondiElimina
  8. grazie a internet so che possono essere dei cannoni antigrandine :-)...

    RispondiElimina
  9. Pilota annuncia cancellazione volo e attiva una sorta di nebbia in cabina per far scendere i passeggeri restii. https://www.corriereadriatico.it/attualita/volo_cancellato_india_pilota_22_giugno_2018-3812456.html

    RispondiElimina
  10. Magistrati. Guardate cosa ho letto in rete. PRESA PER I FONDELLI
    Il ministro Toninelli con voce "concitata", in un Live Facebook ha appena comunicato che la nave Lifeline ha illegalmente scippato 250 migranti da sotto il naso alla guardia costiera libica, e che batte illegalmente bandiera olandese (con l'Olanda che nega sia registrata davvero in Olanda), allora noi sai che facciamo ? ... andiamo fin sotto le coste libiche e portiamo i 250 migranti in Italia ! Pero' gli sequestriamo la barca. Peccato che poi ci siano Gip come Giovanni Giampiccolo aderenti a Magistratura Democratica che a sua volta aderisce a Welcoming Europe, una nuova iniziativa di Open Society di George Soros, che dissequestreranno prontamente la nave.
    MA STIAMO SCHERZANDO?
    ESEMPIO: SEQUESTRO A MARZO http://palermo.repubblica.it/cronaca/2018/03/18/news/migranti_sequestrata_nave_proactiva_open_arms-191627299/
    ESEMPIO: DISSEQUESTRO AD APRILE https://www.huffingtonpost.it/2018/04/16/il-gip-di-ragusa-dissequestra-la-nave-della-ong-spagnola-open-arms_a_23412156/

    RispondiElimina
  11. Vi aggiorno su Tommaso Minniti.

    Dal mondo in cui scrivono e dalle cose che scrivono, oltre che dalla violenza verbale che usano, appare evidente, come dici, che sono agenti governativi sotto mentite spoglie. Davvero una delusione. Avevamo delle serpi in grembo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oltre al tono inqualificabile e alle scempiaggini (rivelatrici), costui palesa una scarsa padronanza della lingua italiana, soprattutto nell'ultima parte del suo sproloquio, quanto mai confusa e sconclusionata.
      Ero un estimatore di Tommix e del suo lavoro; considero tuttora pregevoli i suoi documentari; per questo la delusione che provo oggi è davvero enorme.

      Elimina
    2. Avessi letto gli sms che mi ha mandato... Ancora peggio!

      Elimina
  12. ne approfitto per salutare tutti gli agenti governativi e non, in incognito o meno, ciao!

    RispondiElimina
  13. Ascoltandolo in una videointervista sulla t.p...mi sembra non all'altezza dei servizi che ha fatto...dei testi ben costruiti ( a tavolino? ),che danno al primo impatto una certa serieta'. Dal modo in cui si esprime,lo vedo un po troppo accademico,un po alla Polidoro. Nelle risposte ,pare che incespichi un po,non sapendo quali altri modi per spiegare la stessa cosa....a me lui, effettivamente mi sembra un po "auto-costruito"..non ho visto e sentito molto di lui,solo i suoi " capolavori" come ha sempre sottolineato Ros...è sempre un nipote...!

    RispondiElimina
  14. Rosario non è che un giorno scopriamo che tu sei veramente un agente ? come dice Galuppini Albino ? ahahah...cono questi colpi di scena che arrivano ogni tanto !!....certo che questi dei servizi segreti,ne studiano per controllare lo status vivendi operandi e vaffanculanti ! e gli "operai" governativi e paragovernativi MANGIANO !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarei l'agente più imbecille di questa terra.

      Elimina
    2. Ma tu SEI il più imbecille di questa terra (nonché di tutte le terra di questa galassia), seppur senza essere un agente...

      Anzi, ripensandoci, forse lo Zretino ti batte in imbecillità, anche se veramente di un soffio....

      Elimina
    3. Toh! Guarda chi si rivede! Lo psicopatico numero uno.

      Elimina
    4. PS: giusto per curiosità, Giancarlo, il terzo fratello, quello normodotato, vi rivolge ancora la parola oppure fa finta di essere figlio unico?

      Elimina
  15. Troppo buono Rosicario. Da quanto ho letto e capito, lo psicopatico numero uno è lo Zretino (non per niente questo blog all'inizio aveva come indirizzo "zret-sciechimiche").
    E tu sei lo psicopatico secondario che si è buttato nella suddetta stronzata scemocomica quando hai capito che era seguita da dementi tali che anche un sesquipedale [questo aggettivo fattelo spiegare dal fratellonzo studiato] coglione come te avrebbe potuto aspirare a farno l'indiscutibile capo... o meglio kapò...

    RispondiElimina
  16. DENUNCIATI, PRESSO LA PROCURA DI TORINO, I MAGISTRATI MASSIMILIANO BOTTI ED ALESSANDRO BOGLIOLO PER IL REATO DI RIFIUTO ED OMISSIONE DI ATTI D'UFFICIO (art. 328 C.P.).

    Atteso che, per mezzo della controversia fra la Dottoressa Silvia Bencivelli ed il denunciante, il Giudice Massimiliano Botti ed il Pubblico Ministero Alessandro Bogliolo hanno potuto prendere contezza dei reati ambientali perpetrati per mezzo della geoingegneria alias scie chimiche (chemtrails in inglese, termine di origine militare ed incardinato nel lessico scientifico, checché ne pensi l’accademia pseudo-scientifica del C.I.C.A.P.) come testimoniato da incliti scienziati italiani e stranieri, fra cui, ad esempio, la scienziata elvetica Ulrike Lohmann; acclarato che è d’uopo che il Pubblico ministero valuti la fondatezza di ciascuna notizia di reato e che compia le indagini necessarie per decidere se occorre formulare l’imputazione o chiedere l’archiviazione, secondo il principio dell’obbligatorietà dell’azione penale, si ritiene che nella condotta dei Togati de quo sia da reputare omissiva, in quanto si dovrebbe indagare sulla possibile commissione di reati ambientali per poi perseguirli, qualora sia riconosciuta che sono stati perpetrati.

    Inquinamento ambientale

    Ai sensi dell'art. 452-bis C.P., è sanzionato con la reclusione da due a sei anni e con la multa da euro 10.000 a euro 100.000, chiunque abusivamente cagiona una compromissione o un deterioramento significativi e misurabili delle acque o dell'aria o di porzioni estese o significative del suolo o del sottosuolo di un ecosistema, della biodiversità, anche agraria, della flora o della fauna.

    Sono previste delle aggravanti di pena nei seguenti casi:

    quando l'inquinamento sia prodotto in un'area naturale protetta o sottoposta a vincolo paesaggistico,ambientale, storico, artistico, architettonico o archeologico, ovvero in danno di specie animali o vegetali protette (v. art. 452-bis, ult. Comma);

    in caso di morte o lesioni personali (tranne nei casi in cui si determini una malattia di durata inferiore a venti giorni) come conseguenza del delitto di inquinamento ambientale (v. 452-ter C.P).

    Sono previste invece diminuzioni di pena:

    nel caso in cui i fatti siano commessi per colpa (v. art. 452-quinquies, co. 1);-e, ulteriormente, nel caso in cui da tali condotte colpose derivi soltanto il pericolo di inquinamento ambientale (v. art. 452-quinquies, co. 2).

    Disastro ambientale

    Ai sensi dell’art. 452-quater) C.P, fuori dai casi previsti dall’art. 434 (disastro innominato), è sanzionato con la reclusione da cinque a quindici anni chiunque abusivamente cagiona un disastro ambientale definito, alternativamente, come:

    l’alterazione irreversibile dell'equilibrio di un ecosistema;
    l’alterazione dell'equilibrio di un ecosistema la cui eliminazione risulti particolarmente onerosa e conseguibile solo con provvedimenti eccezionali,
    l’offesa alla pubblica incolumità in ragione della rilevanza del fatto per l'estensione della compromissione o dei suoi effetti lesivi ovvero per il numero delle persone offese o esposte a pericolo.
    Sono previste aggravanti di pena nel caso in cui il disastro sia prodotto in un'area naturale protetta o sottoposta a vincolo paesaggistico, ambientale, storico, artistico, architettonico o archeologico, ovvero in danno di specie animali o vegetali protette (v. art. 452-quater, ult. comma)

    Diminuzioni di pena sono previste, invece, nel caso in cui i fatti siano commessi per colpa (v. art. 452-quinquies, co. 1);- e, ulteriormente, nel caso in cui da tali condotte colpose derivi il pericolo di disastro (v. art. 452-quinquies, co. 2).

    L’art. 452-septies) C.P., salvo che il fatto costituisca più grave reato, sanziona con la pena della reclusione da sei mesi a tre anni chiunque, negando l’accesso, predisponendo ostacoli o mutando artificiosamente lo stato dei luoghi, impedisce, intralcia o elude l’attività di vigilanza e controllo ambientali e di sicurezza e igiene del lavoro, ovvero ne compromette gli esiti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. • Dottor Massimiliano Botti (qualifica: Giudice) TRIBUNALE DI IMPERIA
      • Dottor Alessandro Bogliolo (qualifica: Pubblico Ministero) TRIBUNALE DI IMPERIA

      che risultano, a parere di chi scrive, responsabili di rifiuto ed omissione di atti d’ufficio (art. 328 C.P.).

      Di seguito vengono esposti i fatti

      Nelle motivazioni alla sentenza N. 522/2018, consegnate il giorno 22 maggio 2018 presso la cancelleria del Tribunale di Imperia, il Giudice, Dottor Massimiliano Botti, afferma che l’imputato avrebbe confessato. In quale modo? Consegnando all’attenzione del Togato una serie di documenti referati che dimostrano come quello che è definito articolo scientifico a firma della giornalista Bencivelli (“parte lesa” nel procedimento di cui sopra) non è altro che un coacervo di luoghi comuni peculiari della disinformazione. Giacché la Dottoressa è un medico, ciò risulta oltremodo grave, visto che gli studi referati a firma della Dottoressa Ulrike Lohmann, studiosa svizzera, esperta in nefologia, nonché le ricerche di altri suoi pregiatissimi colleghi (peraltro non citati nelle motivazioni del Giudice Dott. M. Botti), smentiscono clamorosamente l’articolo definito “scientifico” dal P.M. nonché dal Giudice. Si noti che sarebbe stato dovere dei Togati in questione approfondire la questione dell’inquinamento atmosferico denunciato dalla Lohmann, piuttosto che condannare ad otto mesi di reclusione chi, unico in Italia (vox clamantis in deserto), denuncia da anni questi delitti perseguibili d’ufficio! Di conseguenza il Magistrato che non procede deve essere perseguito per omissione in atti d’ufficio. Nella fattispecie, come detto, i Togati Dott. Massimiliano Botti e Dott. Alessandro Bogliolo del Tribunale di Imperia ignorano lo studio della Dottoressa Ulrike Lohmann, poiché ciò inficerebbe la decisione di condannare l’imputato che, comunque, nel ricorso presentato in appello, dimostra come le “prove” a suo carico siano frutto di manipolazione (cfr allegato “B”), occultando di conseguenza materiale che non solo scagiona l’imputato, ma dimostra, senza ombra di dubbio, che i carburanti per aviazione sono letali per la salute umana nonché per l’ambiente. Tale comportamento è non solo censurabile da un punto di vista deontologico, ma configura, a parere di chi scrive, reato e per tale motivo lo scrivente chiede che i magistrati sopra citati siano perseguiti.

      Elimina
  17. Non hai il coraggio di mandare tutti i miei commenti, vero spallato?
    Fai così: quando vedi qualche bambino che gioca con le biglie, fattele prestare un paio, almeno puoi far finta di avere due biglie se non due palle...

    Ah, scusa, per incontrare qualcuno di qualsiasi età dovresti fare una cosa che non fai da un paio di lustri (chiedi sempre al fratellonzo studiato, se ne vuoi sapere il significato): uscire di casa, in un posto che non sia il terrazzino dei miracoli...

    RispondiElimina
  18. Sì sì, bravo, cambia discorso pur di non pubblicare i miei commenti successivi, povero vigliacco (o "ignavum nominare" come direbbe lo Zretino) che non sei altro: tanto li ho salvati tutti.

    Proprio vero che i coglioni vanno sempre in coppia. Sarà per questo che il terzo fratello si è auto-escluso dalla vostra pagliacciata: si era reso conto di essere di troppo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao porco, curati le emorroidi. Ti brucia troppo quel culo sporco di merda.

      Elimina
  19. Oh, io sono dieci anni che aspetto la denuncia tua e dello Zretino: vi date una mossa o no, dopo tutte le vostre millemila minacce di farmela? Dai, ché ho pronta la controdenuncia per calunnia: ormai mi brucia in tasca...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ricordo che il tuo amichetto di letto Wasp-Nigrelli è deceduto. Non è servito che la Procura di Imperia gli salvasse il culo, come vedi. Ha tirato le cuoia nel peggiore dei modi e tu potresti fare la medesima fine.

      Elimina
    2. Ti hanno mandato a raccogliere le cozze nel Golfo?

      Elimina
  20. Quando axlman farà la fine del Nigrelli (auspichiamo quanto prima), noi stapperemo una bottiglia di champagne e brinderemo alla morte dei negazionisti.

    Axlman, adesso ritorna nella fogna dalla quale provieni.

    RispondiElimina
  21. Seguiteci su Telegram: https://t.me/tankerenemy

    RispondiElimina
  22. Per quanto riguarda i legali vi racconto una chicca: il giorno stesso dell'udienza dell'altro processo farsa, nel quale hanno messo in mezzo anche mio fratello Antonio, l'agente governativo Task Force Butler (Federico De Massis) era già al corrente delle generalità complete dell'avvocato di fiducia incaricato il giorno prima. Costei, raggiunta da "soci" del De Massis, ha rinunciato a difendermi nel processo Bencivelli in sede di Appello. La paura fa novanta!

    RispondiElimina

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...