domenica 11 ottobre 2020

Qualcosa non quadra

Non intendiamo come la maggior parte della gente non riesca a capire che sta assistendo ad una farsa: anziani ospitati in speciali residenze o ricoverati negli ospedali muoiono, ufficialmente, a causa del coronavirus, visto che nessuna terapia è per loro efficace, mentre se “si ammala” un politico, un calciatore, un attore o un cantante famoso, pur colpito da una forma particolarmente aggressiva del morbo, dopo un paio di giorni esce sulle proprie gambe dal nosocomio, saltando come un grillo. Alla celebrità – spiegano i media di regime – è stato somministrato un farmaco portentoso! La massa non comprende che qualcosa non quadra?

Dove sono poi tutti questi morti a causa del Covid-19? Si vocifera di decessi, ma è sempre perito un amico del cugino del cognato del prozio del consuocero... Se in un ambiente di lavoro operano cento persone e di queste cento nessuna muore e forse un paio si buscano una rinite o una faringite, significa che questo Coronavirus non è così letale, a differenza di quanto gridato dalla stampa e dalla televisione, di quanto paventato dai peones.

E’ ovvio: si continua a morire – i Greci, consci del destino che attende tutti, pur avendo a disposizione il termine “anthropos” (uomo), definivano quasi sempre gli uomini “mortali”: si defunge per mille motivi, per innumerevoli malattie ed in incidenti, ma quasi tutti i decessi, attraverso statistiche fraudolente, sono attribuiti al fantomatico patogeno. Il popolino non si avvede che la presunta pandemia è un alibi per una girandola di iniziative una più nefasta dell’altra: dalle "mascherine FIAT" obbligatorie anche all’aperto alle inoculazioni “anti-influenzali”, dallo stravolgimento del “sistema educativo” alla distruzione della struttura produttiva non controllata dalle multinazionali…

Non solo! Lo Stato che, direttamente o indirettamente, ammorba i cittadini con il nanoparticolato degli inceneritori, con il percolato delle discariche con cui sono inquinati i suoli agricoli e le falde acquifere, con i miasmi ed i rifiuti degli stabilimenti, con i composti nocivi usati in moltissimi processi industriali, con i residui dell’agricoltura e della zootecnia, con i perniciosi ingredienti delle scie chimiche, con le scorie nucleari, con gli additivi dei carburanti per autoveicoli ed aerei, con farmaci dai mille effetti collaterali, con le “polveri” dei poligoni militari, con vaccini venefici, con i micidiali campi elettromagnetici etc. etc., all’improvviso si sveglia, si ravvede e combatte strenuamente per arginare i focolai di una supposta epidemia?

Non ci si accorge che qualcosa non quadra? Quando mai le istituzioni, di là dalle falsissime dichiarazioni ufficiali, hanno avuto a cuore la salute dei cittadini? Non hanno sempre anteposto interessi economici e strategici al benessere della popolazione? Per quale ragione i vari governi, sempre pronti ad innalzare le soglie di veleni ritenute tollerabili per legge nell’acqua e negli alimenti (vedi il caso Atrazina in Italia settentrionale), ora sono diventati così solleciti nel tutelare la salute di tutti noi?

Virgilio scrive nell’Eneide: Timeo Danaos et dona ferentes, ossia “Temo i Greci anche quando portano doni”. Ora l’esecutivo, elargisce con sospetta generosità, mascherine, antidoti “antiinflulenzali”, esami diagnostici e paccottiglia simile; promette aiuti economici, sovvenzioni, sgravi fiscali per resuscitare un’economia morta e sepolta.

Possibile che così pochi subodorino l’inganno nascosto dietro questa improvvisa, esibita liberalità? Ancora una volta siamo costretti a constatare che l’uomo medio non ha appreso alcunché né dagli autori classici né dagli scienziati veri: si lascia spaventare da cifre inventate, da immagini fittizie, da notizie spurie. Il popolo ormai non osa neppure usare il buon senso. Osserva Manzoni: “Il buon senso c’era, ma se ne stava nascosto per paura del senso comune”. Ecco: oggi, mutatis mutandis, si ha paura, anzi terrore del “pensiero” comune che è l’imbecillità del sistema eretta a unico modo di essere e di agire.

Vietata la riproduzione - Tutti i diritti riservati.

Sponsorizza questo ed altri articoli con un tuo personale contributo. Aiutaci a mantenere aggiornato questo blog.

La guerra climatica in pillole

Le nubi che non ci sono più

Per una maggiore comprensione dei fenomeni legati alla guerra ambientale in corso, abbiamo realizzato l'Atlante dei cieli chimici.

Chi è Wasp? CLICCA QUI

CHEMTRAILS DATA

Range finder: come si sono svolti i fatti

38 commenti:

  1. se fossimo umani e non pecore belanti perché pagati per tacere coi NOSTRI soldi, reagiremmo.
    Finché i poliziotti e gli "statali" saranno pagati, tutti buoni e zitti. Pensionati morti di fame. Risolto. e i negri chi li mantiene?

    RispondiElimina
  2. Chiusure per quarantena? chiusi bar, scuole, case di riposo,ecc.?
    Ho detto io che ho sbagliato mestiere... dovevo fare l'agente di pubblica sicurezza! Qualcuno ha mei sentito di agenti in quarantena o di caserme chiuse per virus??? No.... loro sono immuni alla malattia... abbiamo un virus che fa preferenze. Adesso entro anch'io nei corpi di P.S. così non mi ammalo.
    buona giornata resistenti

    RispondiElimina
  3. quella parola non va bene, si dice diversamente colorati!

    RispondiElimina
  4. Fanno piu tampax e trovano i POOOOSITIVI,COOOONTAGIATI,IIIIINFETTATI ohh brrr che paura mmmm !......mi chiedo anzi DOBBIAMO chiedere a loro....ma DA QUANDO UNO RISULTA POSITIVO ????....forse da un anno ? chi lo dice ? e se abbiamo questo PERICOLOSISSIMO virus addosso e non ha fatto NULLA agli asintomatici per un anno ?....questi bastadazzi stanno usando tutte le fantasie possibili.....ho l'impressione che qui le persone si sono addomesticate...io provo a creare la discussione...ma nessuno vuole approfondire...e salutano presto perchè hanno altro da fare...vinceranno loro se continua cosi'

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il livello di intelligenza ed intuito della gente è davvero stupefacente.
      Loro sono usciti bene dallo stampino; noi… siamo difettosi. Servirà questa consapevolezza a non farci tornare?

      Elimina
    2. Per proseguire la realizzazione del piano diabolico, in arrivo ancora un altro ALLOCk-down.
      E' stata fatta una bella pubblicità al vostro lavoro, Rosario ed Antonio (se pur sul canale di Fusaro):
      UMBERTO SALMERI. Ipotesi agghiacciante! Pandemia infinita e molto altro...
      https://www.youtube.com/watch?v=vBRGjl4I0pY&feature=youtu.be.

      Elimina
    3. Non amo gli inglesismi, che hanno purtroppo soppiantato molte parole ed espressioni della (ricca) lingua italiana; ho voluto chiaramente usare quel termine, per sottolineare la dabbenaggine del popolo stolto.
      Inoltre la pubblicità di cui sopra si riferisce non tanto al video (comunque utile, dato che ancora pochissimi sanno dell’argomento), ma ai commenti ad esso.

      Elimina
    4. L'ITALIA E'PERSA, PURTROPPO CON UN POPOLO DI PECORE NON SI PUO' FAR NULLA. CONTRO L'IGNORANZA NON SI PUO' COMBATTERE

      Elimina
  5. L'umanità (attuale) si divide in due categorie: covidioti (o credenti per usare un eufemismo) - gli gnostici li chiamerebbero "ilici", e i critici. A mio avviso, i critici si attestano intorno allo 0,7-1,3 per cento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uso il termine "ilico", a volte ed in modo bonario, con una persona con cui ho confidenza, quando voglio evidenziare il suo attaccamento - per quanto sporadico - alla realtà materiale ;-)
      Comunque, critici od ilici, sempre qui restiamo…per ora, in questa infernale vita terrena…

      Elimina
    2. Ciao Wegan.

      C'è anche un altro termine per definire i non critici: "normopati".

      NORMOPATIA: UN SOFFOCANTE E VELENOSO GRIGIORE AL SERVIZIO DELLE OLIGARCHIE


      Normopatia: piaga di sempre ma, soprattutto, di questi ultimi decenni

      I così detti normopatici sono quelle persone che vivono in un penoso stato esistenziale contrassegnato da un intimo grigiore asfissiante di cui, spesso, non sono consapevoli.
      La normopatia, peraltro indotta con criminale volontarietà dalla maggioranza dei mezzi di comunicazione di massa, si è alquanto diffusa in questo ultimo cinquantennio; essa, in buona sostanza, prende origine, a livello individuale, da una strategia di sopravvivenza che spinge a essere come gli altri, perdendo di vista le caratteristiche più autentiche di se stessi.

      Normopatia: come riconoscerla?

      I normopatici sono, generalmente, persone molto impaurite dalla possibilità di essere sottoposti a stigmatizzazione e, dunque, di essere rifiutati.
      Spesso sono spaventati dalle loro pulsioni e istinti naturali e, perciò, creano una poderosa corazza esistenziale; così facendo, non solo si proteggono dalle loro presunte inosservanze, ma, anche, intrappolano e devitalizzano le proprie passioni e intuizioni, i loro autentici talenti e le loro capacità progettuali caratterizzate da"...


      https://www.psicoterapiaolisticaroma.it/normopatia-un-soffocante-e-velenoso-grigiore-al-servizio-delle-oligarchie/

      Elimina
    3. A proposito di grigiore, mi hai fatto ricordare questa canzone del lontano 1983:

      https://www.youtube.com/watch?v=DZiJQL9OLqI

      non solo da ascoltare, ma anche da guardare bene il video

      Elimina
    4. @ tallermixart Ciao, tallermixart.
      Il normopatico, dunque, (la crasi di questi due termini, però, per qualche ragione mi stride) ha paura di essere ostracizzato dal gruppo, teme di essere isolato, rifiutato, emarginato; quindi, per essere accettato, per non restare solo e far emergere così la sua unicità, la sua forza, si conforma al gruppo, perdendo, abbandonando, tradendo questa unicità, cioè SE STESSO, probabilmente una cellula divina.
      Ecco perché gli Oscuri vogliono togliere di mezzo questa lucentezza, che possiede ogni diamante, e vogliono trasformarla, invece, in un indistinguibile, devitalizzato grigiore di pixel senza scintilla vitale.
      Normopatia è assenza di identità, prodromo della mente alveare; e le mascherine, i visi seriali, senza identità ed espressione, ne sono la conferma.

      Elimina
    5. @tallermixart Nell’ambito della Normopatia sociale mi pare molto calzante la definizione di normopatico, che dà lo psicologo messicano Enrique Guinsberg (nell’articolo che hai citato), il quale lo definisce come “Colui che accetta passivamente tutto ciò gli viene indicato come buono, giusto e corretto, non incoraggiandosi a mettere in discussione nulla e spesso nemmeno a pensare qualcosa di diverso, ma giudicando criticamente chi, invece, lo fa.”
      Ecco l’homo acriticus, risultato di anni di coercizione mediatica e di oracolo-TV.
      Nota: mi stride, perché si accosta una parola che suscita l’idea dell’accettazione, del rimbambimento (della stasi) a quella di dolore, di algia (e quindi di movimento).

      Elimina
    6. @pincopallino L’occhio, l’occhio rettile (potevano metterci anche una piramidina!) ben 40 anni fa… ma la gente non poteva ancora capire.

      Con questa canzone, più leggera, in attesa dell’incipiente BLock-down, dobbiamo renderci conto che ormai: https://www.youtube.com/watch?v=smJg4KBZi4Q.

      Elimina
  6. Per fortuna che siamo in democrazia e anche voi potete sostenere le vostre idee. Fossimo in una dittatura sareste i primi a sparire ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicur* che esiste una democrazia, ovunque, a questo mondo?

      Elimina
  7. I morti di Covid non esistono e lo dico per esperienza personale: mio cugino è morto ufficialmente di Covid ma nella realtà la sera prima di morire aveva chiamato sua sorella per dirle che era stufo di restare in ospedale perché gli imponevano la maschera per la respirazione forzata e lui non aveva più febbre da alcuni giorni ragion per cui voleva tornare a casa dove peraltro era rimasta la moglie positiva e sintomatica pure lei ma con situazione polmonare anche peggiore ma con febbre più lieve. Morale, mio cugino è morto d'infarto da solo e in ospedale, sua moglie è ancora viva. Lui è stato immediatamente cremato, ovviamente senza funerale visto che era aprile..
    .

    RispondiElimina
  8. Qualcosa non quadra da tanto, troppo tempo. Sara' forse per questo che potremmo essere giunti alla redde rationem? In fondo una cosa cosi' globale ed interconnessa non si era mai vista.
    Jean

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, e sotto il giogo dell'A.I., che determinerà il tramonto delle caratteristiche e delle qualità umane.
      E poiché tutto è collegato, nulla più quadra. Bisogna proprio essere rimbambiti del tutto per non accorgersene... una delle conseguenze delle polivalenti strie sintetiche.

      Elimina
    2. Esattamente, la AI sara' il colpo di grazia, ma non lo sentiremo neanche perche', come fan con tutto ormai, sara' la naturale conseguenza di una graduale automatizzazione dell'uomo e svilimento della sua natura partita gia'dagli ultimi 20 anni almeno, e giunta ora vicino al culmine. Sempre piu' costrizioni e limitazioni, all'inizio fatte passare per opzionali (gratis appunto!) e come comportanti solo benefici, senza effetti collaterali; poi, una volta assuefatti, entra l'obbligo, la dipendenza, divengono necessita' perche' senza non si e' piu' in grado di sopravvivere.
      Lo si puo' vedere gia' col chip: in pratica ci stanno abituando a comportarci come se avessimo un chip incorporato, e di fatto essi ci controllano ed hanno nostre informazioni gia' piu' o meno come se fosse cosi'. Quando tra breve diventera' una moda avercelo, come una naturale conseguenza dell'"evoluzione" e dei cambiamenti sociali, a nessuno verra' in mente di interrogarsi sulla reale utilita' e su a chi serva davvero (non certo a noi). Poi scattera' la sua necessita' e quindi obbligatorieta', esplicita o meno, alla faccia della liberta' di scelta. Stessa fine fatta dai computer, i telefonini, i vaccini e via dicendo.
      C'ho messo un po' a capire cosa fossero le strie sintetiche :)
      Jean

      Elimina
    3. "L'uomo è antiquato" scriveva il filosofo Gunther Anders già negli anni 60 del XX secolo. La deficienza artificiale ha preso il sopravvento.

      Elimina
    4. @Zret Antonio, cortesemente mi potresti spiegare in che modo 19 equivale ad A.I ?
      Qui è probabilmente trascritto il futuro dell’umanità: C- ovid 19 → C (si→ see) + ovid (ovis, sineddoche, il gregge) + 19 (A.I.)
      Guarda il gregge che si trasforma in macchina. Troppo arzigogolato?

      Elimina
    5. @Jean Jean, condivido tutto, ho proprio lasciato un commento simile da qualche parte recentemente.
      Non se ne accorgeranno, ed anzi certe soluzioni le richiederanno (non voglio usare la prima persona plurale, perché noi abbiamo coscienza di ciò che sta accadendo; però è vero che viviamo pure noi in questa realtà).

      Lo svilimento della natura umana io lo vedo nascere ancor più indietro nel tempo, con un indubbia spasmodica accelerazione nell’ultimo ventennio.
      Non so chi abbia messo in piedi questo grandioso laboratorio sperimentale chiamato Natura, ma so che essa mi ha fatto sempre stare bene, l’ho sempre cercata e rispettata il più possibile, per la pace che mi trasmette.
      Anche se sento (per restare in tema) CHE QUALCOSA NON QUADRA.
      Mi rendo conto che per sopravvivere, lo si deve sempre fare a spese di un altro essere vivente e che vale la legge del “mangiare ed essere mangiato” (catena ecologica od ecosistema, come ci ha furbescamente insegnato il sixtema; tanto per non indurci a cercare altre spiegazioni) e del “mangiare od essere mangiato” (mors tua, vita mea; e la vita è ovunque una giungla, non solo nella foresta, perché vale la legge del più forte e del più furbo).
      E questo non riesco ad accettarlo.

      Comunque, dicevo, lo svilimento della natura umana per conto mio andrebbe a situarsi già all’alba della comparsa dell’uomo con l’utilizzo di tutto ciò che lo ha portato ad allontanarsi dal virgineo stato primordiale attraverso la tecnologia: primitiva e rozza con gli utensili in pietra, con il fuoco (e qui inserisco la rivoluzione neolitica che vede con l’allevamento e l’agricoltura l’esiziale inizio del dominio dell’uomo sulla Natura e su tutte le creature che in essa vivono); poi più raffinata, con l’uso dei metalli, della ruota, della polvere da sparo, delle armi, della stampa e via via fino ai nostri giorni, fino a violentare, sfruttare e distruggere la biosfera ed ogni creatura vivente, anche per il dio soldo. (continua)

      Elimina
    6. (prosegue) Io non vedo “progresso”, “civiltà”, “benessere” su questa Terra.
      Se doveva esserci un’evoluzione (e dico se), doveva svolgersi in altro modo; probabilmente non su un piano materiale, ma più sottile.
      Qualcuno ci ha attirato in una trappola, ci ha dirottato su un binario morto, in una prigione da cui sarà difficile o forse impossibile uscire.
      Una prigione colorata, dove vivere in stato di schiavitù delle èlites ed offrire nutrimento a certi esseri che ci dominano segretamente.

      Tutto l’inganno si è svolto piano piano, dall’alba dei tempi, lentamente, senza dare nell’occhio, apparendo sempre luminoso (Lucifero?) e come frutto dell’evolversi dell’intelletto umano.
      Fino ad avvilupparci tutti in una morsa fatale.

      Ed ora che – come dici – siamo assuefatti alle comodità del “progresso”, ci rendiamo conto di quale mostruosa droga ci hanno propinato: senza la “civiltà” non riusciamo a concepire l’esistenza, siamo dipendenti e disposti a pagare qualsiasi prezzo, anche il più caro: la libertà.

      Gli strumenti del progresso saranno stati donati da qualche essere “divino” o comunque non umano? Come ha potuto un’australopitecina sviluppare certe doti e caratteristiche in tempi relativamente brevi (se paragonati all’evoluzione praticamente assente di tutte le altre forme di vita animale)? Da dove sono arrivate tutte le creature che popolano questo misterioso laboratorio sperimentale?
      E perché impostare un’evoluzione dell’uomo, che ha richiesto tempi comunque lunghi? Per avere sempre una mandria da sfruttare?

      A volte, però, mi pare che ci sia solo silenzio e fredda casualità degli eventi in un caleidoscopico pallottoliere cosmico…

      Elimina
  9. Rege-Neron: l'atteso rimedio per covidioti?
    http://alfredodecclesia.blogspot.com/2020/10/abbiamo-la-cura-per-il-covid-e-la.html.

    Gratuito? (sempre diffidare di ciò che danno gratuitamente!)
    (Trump, leggete, da brividi) "...Voglio farvi avere quello che ho avuto io e lo farò gratuitamente, non pagherete per questo.
    Non è stata colpa vostra quello è accaduto, è stata colpa della Cina e la Cina pagherà a caro prezzo quello che ha fatto al nostro paese.
    La #Cina pagherà a caro prezzo quello che ha fatto al mondo.
    Quindi, faremo in modo di farvi avere questo farmaco gratuitamente, lo renderemo disponile negli ospedali il più presto possibile e vedrete accadere delle cose fantastiche perché abbiamo il nostro esercito che si sta occupando della distribuzione, si dice logistica, e stanno distribuendo con centinaia di migliaia di truppe, è una questione di giorni, è un compito semplice per loro e i nostri generali sono tutti pronti.
    Stiamo aspettando l’autorizzazione all'uso di emergenza e le case farmaceutiche ne hanno già prodotti moltissimi, quindi auspicabilmente questo non sarà solo un trattamento terapeutico, sarà di più, vi farà sentire meglio, vi farà sentire meglio velocemente, proprio come è successo a me".

    RispondiElimina
  10. A conferma di ciò che già sappiamo sulle maschere di questo carnevale mondiale demenziale.
    Laboratorio svizzero esegue test sulle mascherine di 20 pendolari. Shockante il risultato: https://disquisendo.wordpress.com/2020/09/21/0001/.

    RispondiElimina
  11. Qui alle canarie si passa dal caldo secco al "freddo" con umiditá relativa del 80 per cento in questione di tre o quattro giorni. Le temperature hanno un escursione termica di 12 gradi (da 18 a 30 gradi). Si susseguono anche venti fortissimi. Pioggia pochissima.
    Il ciclo su ripete ormai da anni, ma ogni anno va peggiorando.
    Le piante non sanno piú se crescere o fiorire, e se qualche frutto arriva a crescere, o si secca o si putrefá. Impossibile coltivare con successo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io ho notato da molti anni segnali di forte sofferenza delle piante, ad esempio degli ippocastani, che già dalla primavera mostrano foglie accartocciate e color ruggine. Gli ortaggi e la frutta, poi, sono sempre più attaccati da muffe e marciume. Il muschio prospera ed oltretutto ciò che cade dal cielo con il tempo rende la tela degli ombrelloni macchiata in modo irrecuperabile.
      E sicuramente rovinerà un po'tutto, dato lo stillicidio di veleni.

      Penso sempre a quale sofferenza sono sottoposti animali, piante e biosfera in genere, a quali sforzi debbano fare per resistere, per sopravvivere.
      Ho pensato anche che la parte del DNA che la “scienza” definisce “spazzatura” (sempre pensare il contrario di quello che inculcano!) in realtà deve essere una parte importante, luminosa, un qualcosa che è stato disattivato e che, se riattivato, ci permetterebbe di vedere e sentire realtà sconosciute. E di capire molto altro.
      Una delle quali realtà potrebbe essere il legame con la Natura, e quindi il linguaggio delle piante, degli animali e di chissà che altro.
      Dialogare con piante ed animali (telepaticamente) dovrebbe essere naturale; ma probabilmente anche in loro qualcosa è stato modificato.
      Perché non si possa trovare un’unita primigenia, forse.
      Il “divide et impera” ha radici lontane, che affondano nella notte dei tempi.
      Ma la frantumazione totale è ormai prossima; con riassetto definitivo nell’A.I..

      Elimina
  12. Buongiorno a tutti. Ho constatato che anche i video qui rimossi da YouTube e che ho trasferito su archive.org, sono stati oscurati su segnalazione della task force governativa. Per questo motivo potrete ora trovarmi sulla nuova piattaforma numero6.org. Il primo video per ora disponibile è a questo link: https://numero6.org/ap/come-e-perche-i-cicloni-mediterranei-non-sono-fenomeni-naturali/?aff=straker Vi aspetto numerosi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se può servire sblocca almeno la protezione su questi messaggi. non è difficile andarci per chi non è esperto. Se faccio copia o apri in altra scheda dice materiale protetto. Lo scrivo a mano il link però sarebbe più comodo. Solo per questo tipo di messaggi.

      Elimina
    2. Scommetto che i trolls arrivano dopo la segnalazione dei vostri articoli e materiale inerente la geoingegneria nel video su riportato del 13 ottobre.
      Questo non mi pare il modus scribendi di Rosario.

      Elimina
  13. Tempo fa avevo letto sugli inquetanti "murales" dell'aeroporto di Denver.

    Di tipo profetico/apocalittico/millenaristico.

    Beh...eccone uno. Notare che sono stati eseguiti nel 1994 (!!!).


    https://www.snopes.com/fact-check/denver-airport-masked/

    RispondiElimina
  14. https://www.corriere.it/salute/ehealth/20_ottobre_20/visita-a-distanza-chi-ricoverato-si-puo-fare-grazie-un-robot-ad6d03ac-121d-11eb-9ff9-df76cb96fbac.shtml

    https://www.avvenire.it/attualita/pagine/droni-per-trasporto-materiali-sanitari

    https://www.liberoquotidiano.it/news/politica/24968407/dagospia-impossibile-prenotare-treno-dopo-12-dicembre-lockdown-cosa-sanno-trenitalia-ntv.html
    Alla fine questo incessante bombardamento mediatico serve anche e soprattutto a giustificare il sopravvento della robotizzazione della sanità, ma non solo, credo che tutti i settori della vita sociale e anche privata siano destinati con una certa irruenza a digitalizzarsi, fino a giungere alla fusione con le tecnologie transumaniste. Con la giustificante e con il pretesto del virus della cybercorona si sta cercando di modificare la struttura biosferica del pianeta per convertirla in una tecnosfera, un ambiente adatto e compatibile con l'intelligenza artificiale, e al contempo far sprofondare l'umanità in una densità materiale ancora più lontana da quella che dovrebbe essere nella sua natura originale, un'ulteriore velo di maya verrà aggiunto, e con ciò le prossime generazioni si dovranno confrontare, almeno che l'ecosistema terrestre in sinergia con gli influssi cosmici provenienti da altre zone dell'universo non metterà in moto dei meccanismi di riequilibrio, solo cosi potrà saltare tutto. Le profezie parlano chiaro, il nuovo ordine transumanista globale non verrà sconfitto dalle masse di sudditi, ma dai cambiamenti climatici su larga scala, cambiamenti drastici che rimodificheranno l'assetto e l'aspetto della superficie terrestre rispetto a come la conosciamo attualmente. Ma non sono processi brevi, lineari e dettagliati, ma ciclici, improvvisi, intermittenti, difficilmente prevedibili, che si protrarranno nel lungo termine. Nel 2025 è già sancita secondi i calcoli della mitologia induista la fine definitiva del Kali Yuga, e proprio in quel periodo il Pentagono ha deciso di bloccare gli sbarchi degli immigrati in Italia, e con molta probabilità ci ritroveremo governi di estrema destra, cosi hanno deciso da Washington, è tutto pianificato. L'ordine totalitario verrà portato da quegli stessi poteri che cercano di imitare in modo distorto e osceno i segnali cosmici dell'universo, facendosi portavoce senza essere autorizzati dei messaggi e delle emanazioni divine?
    "Mentre gli organismi biologici hanno la capacità di estrarre energia vitale direttamente dalla terra, le intelligenze artificiali pare non posseggano questa dote. Possono invece convertire un ampio spettro di onde EM in energia e questo mi fa credere che se delle IA dovessero o volessero prendere il loro posto su questa terra dovrebbero “trasformare” l’ambiente in modo a loro vantaggioso, nutritivo appunto. Il che mi riporta al 5G. Lo stesso farebbero altre forme di vita aliene alla terra, nel tentare di adattarla alla loro bio-tecno-logia.
    Come recita spesso un caro amico, Matrix è forse stato più un documentario che un film".

    https://quartattenzione.net/5g-sai-davvero-cose/#.X5KoF8t7moC

    RispondiElimina

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...